I nostri protocolli di sicurezza adottati
per fronteggiare l’emergenza da COVID-19

Gestione degli accessi

Presso gli ingressi di entrambe le sedi è stato predisposto un check point dove un operatore, opportunamente dotato di dispositivi di protezione, si occupa di:

  • gestire un accesso ordinato alla struttura;
  • misurare la temperatura di chi entra;
  • verificare che tutti siano dotati di mascherina idonea e di consegnarla a chi ne è sprovvisto oppure a chi si presenta con mascherina dotata di valvola;
  • fornire gel alcolico e guanti monouso a chi ne facesse richiesta;
  • far sottoscrivere un’autocertificazione in merito al proprio stato di salute e agli eventuali contatti con persone positive o sospette;
  • evitare l’ingresso di accompagnatori e di persone non autorizzate.

Tutti gli altri accessi alle strutture sono stati chiusi in modo che tutto il personale, i pazienti e i fornitori debbano passare, a qualunque orario, dal check point.

In caso di persona sintomatica, questa viene invitata ad effettuare i percorsi definiti dalle autorità sanitarie.

Dispositivi di protezione

Tutte le persone all’interno delle strutture sono invitate a mantenere adeguata distanza le une dalle altre e i percorsi di accesso, attesa, accettazione e pagamento sono stati modificati in modo tale da permettere il medesimo distanziamento.

Tutte le persone sono comunque obbligate ad indossare idonea mascherina.

Il personale sanitario, che per la propria attività può avere contatti più ravvicinati con i pazienti e con i colleghi, si protegge indossando mascherine FFP2 e guanti.

Villa Donatello sensibilizza le persone verso un adeguato e frequente lavaggio delle mani. Per ogni evenienza, all’ingresso, nelle aree comuni e negli ambulatori, sono presenti guanti e dispenser di gel alcolico.

L’attenzione del personale della struttura verso il distanziamento e l’utilizzo dei dispositivi di protezione, è a sua volta un’efficace modalità di protezione nei confronti dei nostri pazienti.

Gestione interna alla struttura

Sono state intensificate (4 volte al giorno) le operazioni di pulizia e disinfezione negli spazi comuni: bagni, attese, banconi di accettazione e cassa. Gli ambulatori vengono sanificati ad ogni cambio professionista.

In particolare viene utilizzato il Virkon, specifico disinfettante (di cosiddetto “alto livello”), lasciato anche all’interno dell’ambulatorio qualora il professionista ne valuti il bisogno.

Nelle sale di attesa vengono distribuiti materiali informativi in merito ai comportamenti da tenere da parte degli operatori, dei pazienti e dei visitatori.

Il personale, quando non in ferie o in smartworking, è sensibilizzato a muoversi il meno possibile all’interno della struttura. È stata eliminata la promiscuità e la mobilità del personale tra i vari reparti e servizi della casa di cura.