una donna sorride ad una dottoressa

Donatello Bone Clinic è un innovativo percorso di cura interamente dedicato alla salute delle ossa, unico in Italia ad essere completamente specializzato nella prevenzione, nella diagnosi, nella cura e nella riabilitazione delle malattie metaboliche ossee e dei disturbi dell’apparato locomotore.


Indice degli argomenti

1. La salute delle ossa, prima di tutto

2. Donatello Bone Clinic: amica delle ossa

3. Chi dovrebbe rivolgersi a Bone Clinic?

4. Una soluzione per ogni problema

5. Tecnologie di avanguardia in un ambiente integrato

6. Un pool di professionisti che si completano a vicenda


1. LA SALUTE DELLE OSSA, PRIMA DI TUTTO

Proteggere la salute delle ossa è di fondamentale importanza per la salute generale del corpo. Le ossa svolgono molti ruoli: sostengono l’organismo, proteggono gli organi, ancorano i muscoli permettendo il movimento e immagazzinano il calcio.

È quindi molto importante favorire la costruzione di ossa forti e sane fin dall’infanzia. Ma è altrettanto importante adottare misure per proteggerne la salute durante l’età adulta e nella terza età.

Il tessuto che compone le ossa non è statico, ma è in quotidiano rimaneggiamento, fatto di formazione e distruzione continua.

È un fenomeno chiamato rimodellamento osseo, per cui ogni giorno si crea nuovo tessuto, mentre quello vecchio e deteriorato viene riassorbito.

Quando siamo giovani, il nostro corpo tende a costruire osso più di quanto ne distrugga e il bilancio calcico è positivo, con un aumento della quantità di osso accumulata.

In questa fase di modellamento osseo noi cresciamo in altezza e le nostre ossa diventano più grandi.

Il momento in cui il nostro organismo dispone della massima quantità di osso si chiama picco di massa ossea.

La maggior parte delle persone raggiunge il picco di massa ossea intorno ai 20-25 anni.

Successivamente il rimodellamento osseo continua, ma se nell’età adulta la quantità di osso riassorbito e quella di osso prodotto si equivalgono, con l’avanzare dell’età si comincia a perdere più osso di quanto se ne guadagni e lo scheletro si impoverisce.

disturbi muscolo-scheletrici e le malattie metaboliche delle ossa sono patologie che influiscono sulla densità e resistenza delle ossa: tra queste abbiamo osteoporosi, osteoartriti, iperparatiroidismo e ipoparatiroidismo, malattia di Paget, ostemalacia, malattie ossee legate al sistema endocrino e malattie rare delle ossa, l’algodistrofia e gli edemi ossei.

Dalle più diffuse alle più rare, sono tutte malattie che attaccano la salute delle ossa mettendo a rischio o compromettendo, a volte anche in misura importante, la nostra qualità di vita.

Tra queste, l’osteoporosi è il disturbo osseo più comune ed un importante problema sanitario: si stima che in Italia l’osteoporosi colpisca circa 5 milioni di persone​, di cui l’80% sono donne in post menopausa.

Con l’osteoporosi, il corpo perde densità minerale ossea e forza ossea, compromettendo il sistema muscolo scheletrico e aumentando il rischio di frattura.

Viene spesso chiamata “malattia silenziosa”, in quanto non dà sintomi e quindi la maggior parte delle persone non si rende conto di soffrirne fino a quando non si verifica una frattura.

Allora si fa più alto il rischio di altre fratture e si presenta il dolore. Se non curata, può portare a un susseguirsi di fratture, difficoltà di movimento e persino alla morte. ​

I fattori che possono influire sulla salute delle ossa sono molti.

Fattori genetici o biologici:

  • Storia familiare. Avere un familiare che ha l’osteoporosi, soprattutto se anche con una storia familiare di fratture, è una condizione di rischio.
  • Sesso. Le donne sono più a rischio di osteoporosi nella fase immediatamente successive alla menopausa: gli ormoni femminili, infatti, svolgono un importante ruolo nella formazione e conservazione del tessuto osseo. Quando con la menopausa (o la scomparsa del ciclo dovuta ad altre cause) l’attività di questi ormoni cessa, la donna va incontro a una rapida perdita di osso, inoltre in genere le donne hanno ossa più piccole rispetto agli uomini e per questo ogni perdita può incidere più pesantemente sulla fragilità ossea.
  • Età. Le nostre ossa diventano fisiologicamente più fragili con l’avanzare degli anni.
    Corporatura. Sono più a rischio anche le persone estremamente magre (con un indice di massa corporea di 19 o meno) o con una corporatura piccola, perché possono disporre di una minore quantità di osso da cui attingere procedendo con l’età.
  • Livelli ormonali. Come detto, nelle donne la perdita ossea aumenta notevolmente durante la menopausa a causa della diminuzione dei livelli di estrogeni. Anche l’assenza prolungata delle mestruazioni (amenorrea) in periodo fertile aumenta il rischio di osteoporosi. Negli uomini, bassi livelli di testosterone possono causare una perdita di massa ossea. La terapia soppressiva con ormoni tiroidei in pazienti che sono stati operati per carcinoma tiroideo aumenta la perdita di massa ossea. L’aumento del cortisolo nella malattia di Cushing aumenta il rischio di frattura. L’iperparatiroidismo primitivo induce perdita di massa ossea.

Abitudini e stili di vita:

  • Quantità di calcio assunta. Poiché il calcio è il minerale che costituisce il cristallo osseo, una dieta povera di calcio contribuisce alla diminuzione della densità ossea e ad un aumento del rischio di fratture.
  • Carenza di vitamina D. La vitamina D è sintetizzata dalla pelle esposta al sole ed è essenziale per l’assorbimento del calcio e fosfato a livello intestinale. La carenza di vitamina D porta dunque a una ridotta mineralizzazione delle ossa.
  • Attività fisica. Le persone fisicamente inattive hanno un rischio maggiore di osteoporosi rispetto a quelle più attive.
  • Uso di tabacco e alcol. Numerosi studi confermano che l’uso del tabacco contribuisce alla debolezza delle ossa. Allo stesso modo, bere regolarmente più di una bevanda alcolica al giorno per le donne o due al giorno per gli uomini può aumentare il rischio di osteoporosi.
  • Disturbi alimentari e altre condizioni. Una dieta squilibrata e scarsa, che porti a una condizione di sottopeso è un fattore che indebolisce l’osso sia negli uomini che nelle donne.

Altri fattori:

  • Presenza altre patologie. La presenza di altre patologie, come ad esempio quelle intestinali o che provocano malassorbimento, sono condizioni che possono influenzare negativamente la capacità del corpo di assorbire il calcio.
  • Utilizzo prolungato di alcuni farmaci. L’uso a lungo termine di alcuni farmaci è dannoso per le ossa e può aumentare il rischio di osteoporosi.

Alcuni di questi sono elementi non modificabili, come ad esempio l’età, i fattori genetici o la presenza di altre patologie.

Su altri fattori invece è possibile intervenire direttamente andando a modificare comportamenti ed abitudini scorrette, quali ad esempio il fumo, la cattiva alimentazione o l’assenza di attività fisica.

2. DONATELLO BONE CLINIC: AMICA DELLE OSSA 

Donatello Bone Clinic è il primo caso in Italia di centro di cura interamente dedicato alle ossa e specializzato nella loro cura e mantenimento in salute.

Chiunque abbia una problematica ossea o articolare, tanto di tipo traumatico quanto degenerativo, può trovare a Donatello Bone Clinic un team multidisciplinare pronto a prendersi cura del proprio caso.

Alla Bone Clinic è possibile trovare rapidamente una soluzione efficace, personalizzata sulle specifiche esigenze e condizioni del paziente.

Donatello Bone Clinic è un centro capace di rispondere in modo rapido e professionale a qualsiasi esigenza del paziente, fornendo un’assistenza completa e a 360°, che comprende valutazioni diagnostiche di ultima generazione, trattamenti e percorsi di cura personalizzati, programmi alimentari, fisici e riabilitativi.

Il team integrato di specialisti della Bone Clinic è coordinato dalla Professoressa Maria Luisa Brandi, riconosciuta come uno dei maggiori endocrinologi a livello internazionale.

Donatello Bone Clinic si trova all’interno di Villa Donatello – presso la Sede di Firenze Castello – di cui Bone Clinic costituisce un reparto autonomo e specializzato ma perfettamente integrato con gli altri servizi della clinica.

Donatello Bone Clinic concentra in un’unica sede gli specialisti più preparati e le apparecchiature diagnostiche più all’avanguardia, garantendo ai propri pazienti una completezza di offerta ed un’integrazione uniche nel panorama sanitario italiano.

Gli specialisti di Donatello Bone Clinic, grazie ad un approccio coordinato e multidisciplinare, sono in grado di inquadrare in modo multifattoriale la patologia del paziente, individuando senza ritardi le cure più adatte e il professionista più idoneo a seguire il miglior percorso diagnostico e terapeutico.

Il team di Donatello Bone Clinic lavora in sinergia con altri servizi e reparti di Villa Donatello, tra cui la diagnostica di laboratorio e la diagnostica per immagini, l’ortopedia e traumatologia, la nefrologia, la medicina fisica e riabilitativa (con il centro di fisioterapia), l’odontoiatria, la neurologia e la neurochirurgia. Questo consente di fornire ai pazienti l’assistenza più completa possibile, in grado di rispondere a qualsiasi esigenza.

Di particolare riguardo è l’accesso diretto al Centro Diagnostico, grazie al quale è possibile svolgere indagini ed approfondimenti in tempi rapidissimi.

Sono disponibili anche terapie endovenose da somministrare in pazienti che soffrono di algodistrofia o di osteoporosi con o senza fratture.

3. CHI DOVREBBE RIVOLGERSI A DONATELLO BONE CLINIC?

Donatello Bone Clinic offre un servizio specialistico completo e di alta qualità, capace di rispondere alle esigenze di diverse categorie di pazienti:

  • persone over 50, che cercano l’assistenza di un pool di specialisti che li segua per prevenire l’azione di malattie degenerative del sistema scheletrico, o che li aiuti ad affrontarne le conseguenze, anche facilitando il recupero dopo eventi traumatici;
  • persone che hanno già subito una prima frattura da fragilità e che sono alla ricerca di un servizio diagnostico-terapeutico dedicato, che le aiuti a prevenire le rifratture secondo le indicazioni dei “Fracture Liaison Services”, servizi coordinati multidisciplinari;
  • persone che hanno subito traumi di varia natura e desiderano recuperare nel modo più completo e rapido, con l’assistenza di un pool all’avanguardia;
  • persone che soffrono di malattie delle ghiandole paratiroidee sia sporadiche che congenite (iperpara-tiroidismi e ipoparatiroidismi);
  • persone che soffrono di patologie malformative rare, che non riescono a trovare risposte soddisfacenti;
  • persone che necessitano di una consulenza nutrizionale per il mantenimento di un apparato muscolo-scheletrico in perfetta efficienza.
    giovani atleti, professionisti e non, che necessitano di azioni rapide e mirate per la cura e il recupero integrale dopo un infortunio, o di terapie preventive per assicurare l’efficienza del sistema locomotore. Un esempio tipico è la condizione di edema osseo o di algodistrofia di cui questi pazienti possano soffrire.

4. UNA SOLUZIONE PER OGNI PROBLEMA

Alla Donatello Bone Clinic si entra con un problema e si esce con una soluzione.

Dalla prevenzione alla diagnosi, dalle terapie alla riabilitazione, Donatello Bone Clinic dispone di tutte le risorse e competenze per gestire qualsiasi problematica legata a:

  • Osteoporosi e osteopenia
  • Fratture da fragilità
  • Osteoartrosi
  • Calcificazioni ectopiche
  • Malattia di Paget dell’osso
  • Osteomalacia
  • Ipercalciuria primitiva
  • Iperparatiroidismo e ipoparatiroidismo
  • Ipofosfatemia e iperfosfatemia
  • Malattie rare delle ossa
    • Angiomatosi ossee
    • Calcinosi tumorale
    • Displasia fibrosa ossea e malattia di McCune Albright
    • Esostosi multiple
    • Fibrodisplasia ossificante progressiva
    • Fosfatasi alcalina elevata
    • Ipofosfatasia
    • Malattia di Camurati Engelmann
    • Mastocitosi
    • Osteogenesi imperfetta
    • Osteopetrosi
    • Rachitismi congeniti
    • Sindrome di Gorham-Stout
  • Malattie ossee correlate al sistema endocrino
  • Terapia soppressiva con ormoni tiroidei
  • Tumori endocrini multipli ereditari (sindromi MEN)
  • Carcinoma paratiroideo
  • Valutazione rischio frattura in gravidanza

Fino dalla prima visita, svolta in pochissimo tempo dalla richiesta, il paziente sostiene gli esami diagnostici necessari, accedendo con la massima rapidità alla definizione di una terapia personalizzata.

Il processo di analisi del problema e di individuazione della soluzione si compone generalmente di 4 fasi:

ANAMNESI E INQUADRAMENTO INIZIALE

All’approccio con la Bone Clinic il paziente è sottoposto ad una visita preliminare di inquadramento e riceverà una approfondita anamnesi di tipo multidisciplinare.

L’obiettivo di questa fase iniziale è quello di inquadrare lo stato di salute del paziente, grazie alla definizione del suo specifico profilo di rischio.

Uno dei pericoli più grandi dell’osteoporosi sono le cadute e le conseguenti fratture. L’assunzione di farmaci può aiutare a ridurre i rischi complessivi, ma imparare a prevenire le cadute può avere un effetto decisivo.

A tutti i nostri pazienti viene fatto un test di valutazione del rischio di caduta e a chiunque sia identificato come a rischio verrà proposta una terapia fisica personalizzata per lavorare sull’equilibrio e sull’andatura.

Un pool di specialisti infine, valuta accuratamente il caso ed indirizza il paziente verso analisi e approfondimenti mirati.

ESAMI DIAGNOSTICI

Una volta stabiliti gli esami diagnostici necessari, questi vengono prenotati immediatamente grazie al collegamento diretto con il Centro Diagnostico e vengono svolti con la massima rapidità, se possibile addirittura nella giornata stessa.

I principali di questi sono:

  • DEXA: La densitometria oseea con tecnica di assorbimento a raggi x è l’attuale tecnica di riferimento per rilevare la diminuzione della densità ossea. Un calo della densità ossea è una parte naturale dell’invecchiamento. Un certo grado di osteopenia è quindi assolutamente fisiologico, ma dovrebbe essere monitorato per assicurarsi che non degeneri nell’osteoporosi. Il test di densità ossea viene eseguito ogni anno. È molto importante fare periodicamente una scansione DEXA di base al raggiungimento di determinati traguardi come i 50 anni o la menopausa;
  • Valutazione funzione e massa muscolare: per la diagnosi di sarcopenia;
  • Analisi del sangue: Controlliamo la vitamina D, gli ormoni paratiroideo e tiroideo, il calcio e tutti i marcatori di metabolismo osseo. Valori anomali degli esami del sangue possono indicare la presenza di condizioni da trattare immediatamente e in modo mirato.

TERAPIA PERSONALIZZATA E MONITORAGGIO COSTANTE

Al paziente viene quindi fornita rapidamente una terapia personalizzata, la cui efficacia viene continuamente monitorata e valutata dagli specialisti che lo hanno in cura.

La disponibilità presso Donatello Bone Clinic dell’innovativa valutazione REMS permette di effettuare controlli in gravidanza e al letto del malato.

SENSIBILIZZAZIONE AL MOVIMENTO ED EDUCAZIONE ALIMENTARE

Oltre alla terapia, per il paziente sono programmati percorsi di recupero che, in aggiunta alla tradizionale fisioterapia, prevedono programmi personalizzati di alimentazione ed attività fisica pensati per rafforzare la struttura ossea.

Gli esercizi prescritti sono sicuri e calibrati sulle specifiche condizioni ed abilità del paziente, con rigorose indicazioni sui movimenti da fare e quelli da non fare.

La formazione all’esercizio da parte del paziente è qualificata ed avviene grazie a i fisioterapisti specializzati.

5. TECNOLOGIE DI AVANGUARDIA IN UN AMBIENTE INTEGRATO

All’interno della struttura trovano spazio tutte le attività e i servizi medici necessari alla costruzione di un percorso di cura completo e personalizzato: ambulatori specialistici di ogni tipo, sale per prelievilaboratori di analisi e preparazione oltre ad un Centro Diagnostico all’avanguardia in grado di coprire con rapidità qualsiasi esigenza.

Fra le eccellenze tecnologiche, Donatello Bone Clinic mette a disposizione dei propri pazienti la prima TAC ad alta risoluzione presente in Italia: uno strumento non invasivo dal punto di vista radiologico che permette lo studio della struttura dell’osso, fondamentale nella gestione dei casi più complessi.

Oltre alla TAC ad alta risoluzione, Donatello Bone Clinic mette a disposizione dei propri pazienti anche una TAC quantitativa periferica (PQCT) che permette di quantificare massa ossea e massa muscolare.

A questi fiori all’occhiello della strumentazione, si aggiunge, nel Centro Diagnostico, una strumentazione completa e innovativa per indagini e cure mirate: una DEXA a ultrasuoni, una TAC, una RMN, una MOC senza radiazioni, oltre ad apparecchiature ecografiche e radiografiche digitalizzate.

Gli spazi di Donatello Bone Clinic si inseriscono nella Sede di Villa Donatello a Firenze Castello – in un contesto gradevole ed ospitale che si apre ad accogliere il paziente in ogni fase del percorso di diagnosi e cura.

Dal comodo sistema di prenotazione online alla possibilità di effettuare videoconsulenze a distanza. Dal parcheggio gratuito alla facilità di accesso con i mezzi pubblici. Senza dimenticare la sala di attesa dedicata dotata di wi-fi e il bar interno di Villa Donatello.

6. UN POOL DI PROFESSIONISTI CHE SI COMPLETANO A VICENDA

L’equipe di Donatello Bone Clinic è composta da specialisti di livello internazionale che coprono ogni ambito della diagnostica, della terapia e della riabilitazione.

Responsabile Coordinatrice è uno dei maggiori esperti delle malattie metaboliche dell’osso, la Professoressa Maria Luisa Brandi. Scienziata di livello internazionale nel campo della cura delle patologie dello scheletro, per anni Ordinario di Endocrinologia presso l’Università di Firenze, è Presidente di FIRMO (Fondazione Italiana per la Ricerca sulle Malattie dell’Osso) e di OFF (Osservatorio Fratture da Fragilità).

Insieme alla Professoressa Brandi, collabora un gruppo integrato di professionisti di diverse specialità:

ENDOCRINOLOGI

GENETISTI

NEUROCHIRURGHI

NUTRIZIONISTI

ORTOPEDICI

NEUROLOGI

FISIATRI

REUMATOLOGI

CHIRURGHI

RADIOLOGI