un'immagine simbolica dell'apparato urinario

Esame Urodinamico completo

Cosa è?

L’esame urodinamico completo è un’indagine diagnostica che serve per lo studio approfondito della funzionalità del basso tratto urinario (vescicale ed uretrale).

È classificato come esame invasivo in quanto prevede l’utilizzo di un piccolo catetere vescicale e una piccola sonda endorettale.

Nella pratica clinica è nella realtà complessivamente ben tollerato dal paziente, in quanto non doloroso e condotto in regime ambulatoriale.

In cosa consiste?

L’inizio dell’esame prevede l’esecuzione di una uroflussometria, nella quale il paziente deve urinare spontaneamente in un apparecchio simile alla toilette.

Questo esame consiste nell’utilizzo di un apparecchio – uroflussometro – che ha la capacità di misurare la quantità di urina emessa nell’unità di tempo, riportandola in tempo reale su un grafico.

In seguito, il proseguo dell’esame prevede il posizionamento di un piccolo catetere vescicale e di una piccola sonda endorettale, entrambi specifici per la trasduzione di pressione.

Viene quindi eseguita la instillazione retrograda di soluzione fisiologica sterile (fase di riempimento), fino al raggiungimento dello stimolo urinario necessario ad una adeguata minzione (fase di svuotamento).

Al termine dell’esame, in casi selezionati, viene eseguito il profilo pressorio uretrale, che prevede una rimozione/estrazione retrograda del catetere. L’operazione è del tutto indolore. Questo esame consente di misurare la pressione dell’uretra a riposo e le sue variazioni ed è utile pertanto a comprendere la funzionalità dell’uretra stessa.

In casi selezionati, simultaneamente all’esame viene eseguita una elettromiografia di superficie, che è un esame diagnostico finalizzato alla valutazione dello stato di salute dei muscoli coinvolti nella funzione vescicale ed uretrale. Viene condotto mediante posizionamento cutaneo di elettroliti di superficie perineali. Anche questa procedura non è invasiva e non è pertanto dolorosa.

A cosa serve l'esame urodinamico?

L’esame urodinamico completo è indicato per indagare i sintomi della fase di riempimento e svuotamento della vescica e sintomi post-minzionali quali:

  • perdite urinarie
  • minzione frequente, dolorosa, difficoltosa
  • stimolo urgente/impellente di urinare, seguito o meno da minzione
  • difficoltà soggettiva dell’innesco del getto urinario e/o della minzione
  • difficoltà soggettiva di svuotamento completo della vescica
  • elevato numero di minzioni notturne/diurne
  • infezioni ricorrenti/recidivanti delle vie urinarie

L’esame è pertanto indicato per la diagnosi accurata di disturbi urinari in pazienti con:

  • incontinenza urinaria
  • ritenzione urinaria (es. ipertrofia prostatica benigna)
  • cistiti ricorrenti recidivanti
  • patologie del pavimento pelvico (es. prolasso degli organi pelvici)
  • disturbi urinari in pazienti con malattia neurologica (es. sclerosi multipla, Morbo di Parkinson, ecc.)

Quanto dura l'esame?

La durata dell’esame è di circa 45 minuti.

Cosa aspettarsi dopo l'esame?

  • Normale ripresa delle attività quotidiane
  • Eventuale possibile modesta perdita di sangue nelle urine e modesti bruciori quando si urina, anche per qualche giorno, sono da considerarsi normali
  • È preferibile bere molta acqua nelle ore successive all’esame e nelle eventualità sopradescritte

Medici e Professionisti di Villa Donatello