Oculistica in evidenza

Oculistica

Il Servizio di Oculistica si avvale di un team multidisciplinare e di strumentazioni all’avanguardia che permettono di affrontare efficacemente ogni caso, con lo scopo di risolvere in maniera concreta e duratura i diversi problemi della vista.

Promozione

Novità

Patologie e Trattamenti

Chirurgia refrattiva

É una tecnica utilizzata per correggere i difetti di focalizzazione dell’immagine, fra i quali:

  • miopia
  • ipermetropia
  • astigmatismo miopico ed ipermetropico associato a difetto miopico o ipermetropico

La chirurgia refrattiva viene inoltre applicata per la correzione del difetto combinato ipermetropia e presbiopia o della presbiopia.
É inoltre possibile correggere i vari difetti di vista in modo sempre più personalizzato grazie allo studio particolareggiato delle aberrazioni oculari che caratterizzano la visione funzionale di ciascun occhio.

VICTUS with screens rgb

L’utilizzo di strumenti all’avanguardia quali il Laser a Fetmosecondi (Articolo pubblicato a riguardo sul Corriere della Sera) permette di eseguire tagli di tessuto in modo preciso e non traumatico.
L’alta precisione di questo strumento consente di correggere i vari difetti della vista in modo sempre più personalizzato, interfacciando le differenti patologie con gli algoritmi di lavoro del laser.

Chirurgia della cataratta

La cataratta si caratterizza per l’opacizzazione progressiva del cristallino dell’occhio e determina una visione sfocata delle immagini con una percezione alterata dei colori.
Le limitazioni visive si accentuano durante la notte a causa della maggiore difficoltà della luce a raggiungere la retina.
Quando anche la correzione con occhiali non è più efficace per garantire una visione ottimale, la situazione può diventare problematica e diventa necessario intervenire chirurgicamente.

L’intervento di cataratta è totalmente indolore, in genere dura dai 10 ai 20 minuti e la maggior parte dei pazienti torna alle sue normali attività fin dal giorno seguente.
L’operazione consiste in una piccola incisione corneale e nell’inserimento di uno strumento ad ultrasuoni capace di frantumare ed aspirare il cristallino opaco.
Rimosso il cristallino, una lente intraoculare (IOL) viene inserita attraverso la stessa piccola incisione e posizionata permanentemente.

L’utilizzo del Laser a Femtosecondi, in particolare nei primi passaggi dell’intervento, consente di traumatizzare al minimo le delicate strutture intraoculari ed avere tagli altamente precisi.

Chirurgia della cornea

Le malattie che colpiscono la cornea possono determinare una perdita progressiva della vista che è possibile recuperare solo con un intervento chirurgico.

Due in particolare sono gli interventi in questo campo:

  • Trapianto di cornea: consiste nella sostituzione di tutta o parte della cornea del paziente con quella di un donatore ed è finalizzato a recuperare la capacità visiva e la struttura cornea della stessa che risulta compromessa per processi degenerativi.
    Un prezioso ausilio in questo tipo di intervento è garantito dal Laser a Femtosecondi, che vaporizza con estrema precisione i tessuti creando dei tagli di spessore omogeneo e consentendo di realizzare superfici tissutali estremamente levigate.
  • Il trapianto può essere di due tipi:
    Trapianto perforante: quando tutti gli strati corneali del paziente sono sostituiti con una cornea sana di un donatore.
    Trapianto lamellare: quando si sostituiscono solo gli strati corneali patologici con equivalenti prelevati da una cornea sana di un donatore, lasciando in sede solo gli strati sani del ricevente.
  • Impianto intracorneale: rappresenta un nuovo strumento per la chirurgia corneale, applicabile quando ancora la cornea mantiene la sua fisiologica trasparenza ma non determina una buona qualità visiva del paziente correggibile solo con lenti a contatto o con occhiali.
    La tecnica consiste nell’impiantare dei piccoli semicerchi di un materiale plastico nello stroma corneale del paziente in anestesia topica.
    La creazione di tunnel con Laser a Femtosecondi riduce radicalmente il traumatismo chirurgico che era proprio della disssecazione meccanica con il laminatore.
    La tecnica presenta dei vantaggi sostanziali quali un rinforzo corneale, la riduzione dell’entità e dell’irregolarità dell’astigmatismo corneale della zona ottica centrale, e consentendo al paziente di indossare nuovamente lenti a contatto o lenti tempiali con buona qualità visiva.

Cross-linking corneale per la cura del Cheratocono

Il Cheratocono è una malattia degenerativa non infiammatoria della cornea, causa di ectasia (sfiancamento corneale).
La malattia ha un andamento progressivo ed in un 20% dei casi causa una perdita di trasparenza e regolarità del diottro corneale tale da rendere necessario un intervento chirurgico (trapianto corneale).

Il Cross-linking è un trattamento che si pone come obiettivo quello di arrestare la progressione della malattia, stabilizzando la cornea prima che si abbiano le alterazioni refrattive e di spessore che rendano insoddisfacente il risultato del trattamento.

Il trattamento consiste nel disepitelizzare (rimozione del rivestimento epitaliale) la cornea in anestesia topica con gocce ed applicare ad intervalli regolari e stabiliti la riboflavina.
Successivamente la cornea viene sottoposta ad irraggiamento UV-A.
A fine intervento si medica con collirio antibiotico e si applicano lenti a contatto terapeutiche che verranno rimosse dopo 3 giorni.

Il Cross-linking è consigliabile nelle forme di cheratocono in fase refrattiva (stadio 1-2) che stanno progredendo rapidamente, il cui peggioramento negli ultimi 6 mesi sia documentabile clinicamente e con esami strumentali.
Tale metodica non esclude però la possibilità di un trapianto corneale in un secondo momento, specie quando si ha una ripresa della malattia a distanza dall’intervento.

Impianto lenti intraoculari (ICL)

Si ricorre all’impianto di lenti intraoculari per la correzione della miopia, ipermetropia e astigmatismo.
Questi impianti sono utilizzati in particolar modo in quelle situazioni in cui non è possibile procedere con la tecnica laser, come nel caso di difetti molto gravi o cornea troppo sottile.
L’applicazione di queste lenti permette di ottenere notevoli vantaggi, migliorando la capacità visiva senza particolari disagi.

A differenza degli occhiali, che producono tale effetto dall’esterno, e da un intervento laser, che lo produce a livello corneale, la tecnica dell’impianto di lenti intraoculari agisce all’interno dell’occhio ed è così capacae di correggere miopie oltre le 15 diottrie e ipermetropie oltre le 5 diottrie.

Modalità di intervento:

Dopo un accuato studio morfo-funzionale dell’occhio, le lenti vengono impiantate chirurgicamente nell’occhio tra iride e cristallino.

Lo scopo di queste lenti è quello di focalizzare sulla retina i raggi luminosi provenienti da un oggetto in lontananza.

La durata dell’intervento è di circa 15 minuti in anestesia locale topica con gocce di anestetico; il risultato visivo è abbastanza rapido, generalmente il giorno dopo e si stabilizza in modo regolare in breve tempo, restando stabile negli anni.

La prevedibilità dei risultati è eccellente anche nei difetti visivi elevati con qualità visiva ottima, così come la correzione del difetto, anche se non è possibile garantire un risultato pari a zero.

In alcuni casi di può residuare un piccolo difetto di +/- 50 diottrie, ma grazie all’ottima qualitù visiva questi piccoli difetti refrattivi sono ottimamente tollerati.

Nei rari casi in cui il difetto dà fastidio si può correggere con il laser oppure con lenti da usare al bisogno.

L’intervento è reversibile: in caso di necessità la lente può essere rimossa ripristinando la situazione pre-operatoria; oppure, se si sviluppa cataratta, può essere sostituita da una IOL da sacco capsulare.

  • Altre prestazioni chirurgiche
    Argonlaser trabeculoplastica
    Capsuloctomia Yag Laser per cataratta
    Iridectomia (laser)
    Laser Argon riparazione retina
  • Altre prestazioni
    Visita oculistica
    Visita controllo oculistico
    Angiografia con indocianina
    Biomicroscopia corneale
    Esame del fundus oculi
    Fluorangiografia
    Iridografia (no contrasto)
    Pachimetria
    Campo visivo
    Studio topografia corneale
    Test di Hess Lancaster
    Tomografia Ottica Computerizzata (Novità)
    Training ortottico
    Valutazione ortottica

In questo video viene illustrata la procedura che viene eseguita.

Altri Video

SOS Distacco della Retina - Un Convegno di esperti a Villa Donatello

Oculistica: patologia insidiosa

Il diabete: una patologia che ha effetti anche sulla salute dell'occhio

Medici e Professionisti di Villa Donatello*

Dott. Giacomo Abbruzzese
Dott. Marco Borgioli
Dott.ssa Silvia Brogelli
Dott.ssa Serena Cini
Dott. Alessandro Crisà 
Prof. Fernando Galassi
Dott. Matteo Giuntoli
Dott.ssa Francesca Lepri
Dott. Marco Marucci
Dott. Luca Menabuoni
Prof. Ugo Menchini
Dott. Angelo Molinara
Dott. Fulvio Moroni
Dott. Augusto Porciatti
Dott.ssa Chiara Scrivanti
Dott. Dario Surace
Dott. Silvio Zuccarini

* Professionisti che svolgono presso la nostra struttura attività ambulatoriali e di ricovero

Consulenti esterni**

Dott. Francesco Ferrara

** Professionisti che svolgono presso la nostra struttura esclusivamente attività di ricovero

Informazioni