La TAC (o meglio TC) coronarica è un esame diagnostico a bassa invasività ma in grado di fornire informazioni altamente accurate per la valutazione dello stato di salute dell’apparato cardiovascolare, in particolare per la diagnosi di coronaropatie e di aterosclerosi coronarica che rappresentano la prima causa di mortalità nei paesi occidentali.

Attraverso un semplice esame TC con mezzo di contrasto, vengono prodotte immagini tridimensionali ad alta definizione delle arterie coronarie, permettendo di studiarne l’anatomia e la pervietà.

In particolare la TC coronarica consente di:

  • valutare l’eventuale presenza di stenosi (restringimento) dei vasi coronarici e quantificare l’entità della riduzione di calibro
  • individuare le placche aterosclerotiche anche quando non determinano stenosi e stabilire in base alla loro composizione tissutale quali sono più a rischio di determinare eventi infartuali
  • rilevare eventuali alterazioni del primo tratto dell’aorta e delle coronarie identificando anche eventuali anomalie o varianti anatomiche.

Si tratta di una variante di angio TC e, come qualunque altra TAC, è una procedura radiologica: la sua esecuzione e l’interpretazione delle immagini è di competenza di un medico radiologo.

L’utilizzo di radiazioni, già di per sé basso, a Villa Donatello è ancora più contenuto: il sistema DualSource Siemens SOMATOM Drive a 256 strati, il più veloce sul territorio, consente infatti l’acquisizione delle immagini dell’intero volume cardiaco anche in meno di mezzo secondo utilizzando la tecnica FLASH.

La rapidità della nostra apparecchiatura di ultima generazione consente dunque di acquisire tutte le immagini anche in un solo battito cardiaco. Ciò permette di utilizzare una minore quantità di mezzo di contrasto e consente di effettuare esami cardio-TC anche in pazienti che in passato avrebbero dovuto rinunciare all’esecuzione di questo esame per problemi legati ad elevata frequenza cardiaca, aritmie, fibrillazione atriale.

In ogni caso una frequenza cardiaca bassa e regolare consente di effettuare indagini di migliore qualità ed utilizzando una minore quantità di radiazioni per cui nei pazienti tachicardici sarà consigliabile effettuare una preparazione con farmaci che rallentino la frequenza cardiaca qualora non controindicati.

L’apparecchiatura di Villa Donatello è comunque dotata di tutte le tecnologie hardware e software per abbattere drasticamente la dose radiante al paziente senza compromettere la qualità per ottenere esami ad altissima risoluzione.

A chi serve?

Le principali indicazioni per l’esecuzione di una TAC coronarica sono:

  • il sospetto di ostruzione o stenosi delle coronarie, per sintomi (es: dolore toracico, affanno, dispnea, dolore al braccio, schiena o addome) o dati strumentali (es: alterazioni ECG, ecocardiografiche)
  • soggetti con fattori di rischio cardiovascolare (familiarità, ipertensione, obesità, diabete, fumo, stress…)
  • il sospetto di anomalie anatomiche delle arterie coronariche
  • la candidatura ad interventi cardiochirurgici e vascolari (es: aneurismi aortici)
  • la necessità di monitorare gli esiti di rivascolarizzazioni con stent (di calibro superiore a 3 mm) o bypass

Come tutti per tutti gli studi TC con mezzo di contrasto rappresentano possibili controindicazioni alla TC coronarica lo stato di gravidanza e l’insufficienza renale grave. Per i pazienti a rischio di reazione allergica al mezzo di contrasto iodato sarà necessario valutare il singolo caso predisponendo eventualmente preparazioni antiallergiche o test allergologici.

Come si svolge l’esame

Nella saletta di preparazione viene predisposto un accesso venoso posizionando un’agocannula in una vena del braccio. Il paziente viene fatto sdraiare sul lettino scorrevole con le braccia estese sopra la testa e gli viene somministrata una piccola pasticca da lasciar sciogliere sotto la lingua contenente un farmaco che serve a dilatare le coronarie per renderle meglio visualizzabili. Sul torace vengono posizionati 4 elettrodi necessari a sincronizzare l’acquisizione con il battito cardiaco. A quel punto il lettino con il paziente viene fatto scorrere nel gantry (l’unità di scansione a forma di grande anello). Come per ogni esame TC lo staff medico uscirà dalla stanza e continuerà a comunicare con il paziente attraverso un altoparlante. Dalla console di comando il gantry verrà messo in funzione. Mentre il battito cardiaco viene monitorizzato tramite degli elettrodi, il paziente rimarrà immobile e dovrà trattenere il respiro per pochi secondi durante i quali verrà somministrato il mezzo di contrasto attraverso l’agocannula precedentemente posizionata nel braccio e verranno acquisite le immagini delle arterie coronarie permettendo di visualizzarne struttura e pervietà.

Conclusa l’acquisizione delle immagini verrà chiesto al paziente di rimanere sotto osservazione circa 30 minuti, dopodiché, salvo diversa indicazione medica, potrà fare immediato ritorno alle sue attività quotidiane anche se per prudenza si consiglia di astenersi dalla guida subito dopo l’esecuzione dell’esame.

Preparazione

  • Occorre presentarsi all’esame a digiuno completo da almeno 6-8 ore.
  • Astenersi dal consumo di bevande e integratori a base di caffeina nelle 24 ore che precedono l’esame.
  • Ricordarsi di portare con sé i referti relativi a precedenti accertamenti.

Refertazione

Il referto di una TAC coronarica può essere messo a disposizione solo a seguito della ricostruzione e dell’analisi delle immagini acquisite nel corso dell’esame. Se non ci sono particolari urgenze, il referto è normalmente disponibile entro tre giorni dall’esame.

Informazioni

Per informazioni è possibile contattarci al numero 055 50975 o compilare il form qui sotto.


    Autorizzazione al trattamento dei dati (obbligatoria - spuntare il campo)
    Autorizzo la Casa di Cura Villa Donatello S.p.A. al trattamento dei miei dati personali