immagine illusoria di una donna che sembra nuotare su una strada di cemneto

Che cos’è la congestione addominale?

Perché insorge, quali sono i sintomi e i rimedi

Dopo aver parlato delle attenzioni che dobbiamo riservare alla sovraesposizione ai raggi solari, oggi parliamo di congestione (o per meglio dire in questo caso di congestione addominale): un evento che può accadere specialmente durante le giornate più calde quando la voglia di rinfrescarci con un tuffo in mare può esporci a pericolosi sbalzi di temperatura.

Che cos’è la congestione?

Dal momento in cui ha inizio il processo di digestione, molto del nostro flusso sanguigno si dirige verso lo stomaco. Se in questa fase ci spostiamo da un luogo molto freddo ad uno molto caldo o, viceversa, se in una giornata molto calda sottoponiamo il nostro organismo ad uno sbalzo repentino di temperatura bevendo una bibita ghiacciata o tuffandoci in acqua senza essersi prima abituati alla temperatura, il nostro cervello comanda al corpo di ricollocare il flusso sanguigno verso le parti più esterne del nostro corpo per riequilibrare lo sbalzo termico. In questo caso avviene, nell’addome, una vasocostrizione che blocca la digestione.

Quali sono i sintomi della congestione?

Al di là di un malessere generalizzato la congestione si accompagna spesso a forti dolori addominali, ad un’intensa sudorazione fredda, a brividi, mal di testa, perdita di equilibrio e spesso di coscienza. Questi sintomi possono presentarsi singolarmente oppure insieme. La sintomatologia non è quindi tipica e bisogna porre particolare attenzione ai bambini poiché spesso per loro è complicato spiegare che cosa stiano provando.

Come comportarsi in caso di congestione?

Se si pensa di trovarci di fronte ad un caso di congestione è fondamentale intervenire il prima possibile. Oltre a chiamare immediatamente i soccorsi si deve cercare di asciugare e poi coprire la persona colpita per riscaldarla il più possibile, non prima di averla fatta distendere in un luogo non esposto al sole, ancor meglio se con le gambe in alto.

In occasione quindi delle nostre gite al mare di questo periodo è sempre consigliabile abbinarle ad un’alimentazione leggera, attendere un certo periodo di tempo prima di fare il bagno dopo aver pranzato e comunque cercare di farlo gradualmente, cominciando dal rinfrescare i polsi, il collo, l’addome e la testa senza fretta.

Pur essendo in periodo estivo si deve ricordare che la congestione addominale può verificarsi anche in inverno per un meccanismo esattamente opposto a quello che si verifica in estate: trovarsi in un ambiente molto caldo per poi uscire all’esterno ed esporsi repentinamente a basse temperature senza preparazione può provocare lo stesso identico fenomeno descritto in precedenza.


 

Lascia un commento

Your email address will not be published.