Fibromi uterini - Villa Donatello

 

Fibromi uterini: una donna su quattro ne è affetta

Con le tecniche mini-invasive si possono curare i sintomi senza dover asportare l’utero.
A Villa Donatello, tecnologie all’avanguardia per eseguire gli interventi.

 

Il 25% delle donne in età riproduttiva soffre di fibromi uterini e, di queste, circa il 10% viene sottoposta a trattamento chirurgico. Sono i dati di un report dell’osservatorio GIMBE del 2022. In Toscana secondo lo stesso report il 5,9% della popolazione femminile nel 2020 è stata sottoposta a un intervento di isterectomia, asportazione dell’utero, per il trattamento della sintomatologia della fibromatosi uterina. In molti casi, per fortuna, le moderne tecniche mini-invasive permettono di trattare i sintomi associati ai fibromi, senza dover ricorrere all’asportazione dell’utero.

 

I miomi uterini, detti anche fibromi, sono processi espansivi benigni dell’utero molto comuni e, se numerosi e voluminosi, possono provocare vari sintomi: pesantezza e gonfiore pelvico, sanguinamento mestruale prolungato, ciclo irregolare o di durata troppo lunga, perdite intercorrenti tra i cicli mestruali, problemi di infertilità, difficoltà a portare a termine una gravidanza e discomfort sessuale, sintomatologia dolorosa associata all’atto sessuale.

 

Le tecnologie ad oggi disponibili permettono di trattare la miomatosi uterina sintomatica con tecniche mini-invasive come l’embolizzazione e la termoablazione, riducendo al minimo i tempi di ricovero e il fastidio post-operatorio. Le procedure vengono eseguite in sedazione, in day hospital o con un breve ricovero.

 

Dott. Claudio Raspanti - Villa Donatello“L’embolizzazione – spiega il Dott. Claudio Raspanti, Specialista in Radiologia Interventistica, che si occupa del trattamento mini-invasivo della miomatosi uterina sintomatica ed ha eseguito attività clinica e di ricerca presso il St. George’s Hospital di Londra – consiste nella riduzione del flusso sanguigno diretto ai miomi ottenuta mediante l’iniezione di piccole particelle nelle arterie uterine, mentre la termoablazione consente il trattamento mirato dei singoli fibromi: il risultato è una sensibile riduzione volumetrica dei miomi e la regressione della sintomatologia associata”.

 

A Villa Donatello è possibile eseguire questi interventi grazie alla presenza di tecnologie all’avanguardia: un angiografo di ultima generazione, equipaggiato con potenti software di ricostruzione delle immagini, che garantisce i massimi standard di sicurezza per l’embolizzazione, ed ecografi di alta gamma che consentono un controllo ottimale durante la termoablazione dei fibromi uterini. Ogni caso viene valutato da un’equipe multidisciplinare di radiologi interventisti e ginecologi, per offrire l’opzione terapeutica più adatta.

 

Dott. Claudio Raspanti - Villa Donatello“Nei casi di donne giovani che vogliono andare incontro a una gravidanza ad esempio – spiega ancora il Dott. Raspanti – è dimostrata una superiorità della miomectomia classica per via laparoscopica, per ottenere i migliori risultati anche in termini di fertilità. L‘embolizzazione da questo punto di vista è un po’ meno efficace, per cui solitamente viene riservata a donne con fibromi multipli o fibromi di grosse dimensioni, che hanno già avuto figli, che sono più prossime alla menopausa o che comunque non hanno un desiderio di maternità, per le quali l’alternativa sarebbe una isterectomia”.