una ragazza fa esercizio fisico in casa guardando la televisione

Coronavirus: L’attività fisica ai tempi del COVID-19

L’attività fisica ai tempi del COVID-19

Una serie di indicazioni e consigli su come mantenersi attivi durante l’epidemia
a cura del nostro team di Medicina dello Sport

La pandemia di coronavirus (COVID-19) può rendere difficile mantenere uno stile di vita fisicamente attivo, ma noi proviamo con questo articolo a darvi qualche idea e suggerimento.

Sulla base di ciò che sappiamo finora sul COVID-19, questo virus sembra dotato di un potenziale di trasmissibilità molto alto. Per questo le disposizioni e le raccomandazioni ministeriali sono tutte improntate all’evitare quanto più possibile il contatto con gli altri e, nel caso questo sia necessario, a farci mantenere una distanza sociale di almeno 1 metro gli uni dagli altri.

Queste misure hanno ovviamente delle controindicazioni ed una di queste è la difficoltà di svolgere attività fisica: chiuse le palestre e i centri fitness, così come i parchi cittadini. Vietata anche la tradizionale corsetta, a meno che questa non avvenga nelle immediate vicinanze della nostra abitazione. In questo periodo di quarantena generalizzata quindi è quasi inevitabile rimanere molte ore seduti e inattivi.

Che cosa possiamo fare in merito?

Partiamo dalle indicazioni dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), che anche in tempi normali consiglia di dedicare all’attività fisica almeno 20 minuti al giorno: le linee guida internazionali individuano infatti in 150-300 minuti a settimana la quantità di attività fisica ottimale per mantenere uno stile di vita sano e corretto.

Si noti bene che si parla di stile di vita in generale, proprio perché svolgere un’attività fisica adeguata e in maniera costante non influisce solo sulla tanto temuta pancetta, ma ha anche innumerevoli altri benefici su tutto il nostro organismo. Una regolare attività fisica, oltre a farci perdere peso eliminando quei chiletti di troppo, ci aiuta anche a:

  • Aumentare le difese immunitarie dell’organismo e di conseguenza a diminuire le probabilità di contrarre virus e malattie
  • Ridurre lo stress e l’ansia, che in un periodo come quello che stiamo vivendo sono sicuramente aumentati
  • Migliorare la qualità del sonno e di conseguenza il nostro benessere psico-fisico

Una volta stabilito il fabbisogno ideale di attività fisica, dobbiamo capire come possiamo perseguire questo obiettivo con tutte le limitazioni a cui siamo soggetti.

ATTIVITÀ FUORI CASA

Chiariamo subito un punto: fare jogging vicino a casa è un’attività formalmente consentita. Dopo diverse polemiche ed oggettive difficoltà di interpretazione delle precedenti norme, la nuova circolare del 31 Marzo del Ministero dell’Interno e un successivo tweet dello stesso Viminale sono stati molto chiari a riguardo:

Ma nonostante questa nota, l’argomento rimane non chiarissimo e l’applicabilità della norma non del tutto scontata, anche in virtù del fatto che in Italia stiamo sperimentando situazioni diverse per quanto riguarda la diffusione e la concentrazione del virus; tanto che stiamo assistendo a reazioni diverse da parte delle amministrazioni locali, dettate più che altro dalle differenti situazioni che si riscontrano nei vari territori.

La possibilità di svolgere attività fisica fuori dalle nostre abitazioni è quindi un argomento molto delicato. Se da un lato, attenendosi semplicemente alle indicazioni ministeriali, potremmo considerarla assolutamente legittima (oltre che salutare, tornando a quanto dicevamo all’inizio di questo articolo), da un altro punto di vista non ci sentiamo di consigliarla né tantomeno di incoraggiarla in un momento così critico e delicato.

Per dare un consiglio sensato e circostanziato dovremmo conoscere le specifiche condizioni di ciascuno di voi, in che quartiere vivete, se esistono spazi adeguati per correre o camminare e a quale distanza sono questi da casa.

Se non ci fossero alternative adeguate al correre all’aperto, il nostro consiglio sarebbe quello di attenersi al buon senso ed al senso di responsabilità.

Ma non lo facciamo, visto che esistono anche altre soluzioni per soddisfare il nostro fabbisogno quotidiano di movimento ovvero quella di svolgere attività fisica all’interno delle nostre case, senza nessun rischio di contatto con gli altri né quello di incorrere in multe (che tra l’altro sono anche piuttosto salate).

ATTIVITÀ IN CASA

infografica sulle attività che si possono fare durante la quarantena

Anche in questo caso partiamo dalle fonti ufficiali: il Ministero della Salute ha prodotto alcuni documenti che ci tornano utili per avere delle idee su come svolgere attività fisica in casa, alle quali ci fa piacere aggiungere alcune raccomandazioni e spunti supplementari.

Cominciamo da ciò che è possibile fare tra le nostra mura domestiche. Ovviamente alcune di queste attività presuppongono il possesso di alcuni strumenti specifici, che non tutti hanno; ma scopriremo che ci sono anche tante altre possibilità e per tutti i gusti. Ecco qui un piccolo elenco, senza la pretesa di essere esaustivi:

  • Ginnastica a corpo libero
  • Salto della corda
  • Corsa sul posto
  • Addominali
  • Flessioni sulle braccia
  • Squat
  • Yoga e Pilates
  • Ballare
  • Stretching
  • Allenamento con lo step (o con gli scalini di casa)
  • Allenamento con l’ausilio di oggetti (sedia, bottigliette di plastica, muro)
  • Allenamento con l’ausilio di macchinari (cyclette, panca, attrezzi, ecc.)

In questo caso il nostro consiglio è quello di scegliere una o più attività in linea con le nostre attitudini e con le nostre possibilità. È importante infatti non trasformare quello che deve essere tutto sommato un piacere benefico in un potenziale rischio per la salute.

Sempre in termini di cosa fare, le linee guida internazionali consigliano due tipologie diverse di attività fisiche: gli esercizi per migliorare la mobilità articolare e gli esercizi per rafforzare la muscolatura. Certo, se l’alternativa è l’assenza completa va benissimo eseguire anche solo una delle due tipologie di esercizi. Ma teniamo presente che questo è lo schema ideale consigliato per una sessione di allenamento domestico:

  1. Esercizi di riscaldamento
  2. Esercizi per la mobilità articolare
  3. Esercizi per rafforzare la muscolatura
  4. Esercizi di stretching finale

Un altro punto importante è quello di evitare di fare attività non adatte a voi: valutate sempre se gli esercizi che vi apprestate a fare siano sostenibili per il vostro fisico. Se venite da un lungo periodo di inattività, ad esempio, evitate di partire con sessioni troppo lunghe e stancanti: il vostro corpo, non abituato da tempo ad uno sforzo del genere, potrebbe risentirne.

Progettate sempre una tabella di lavoro di tipo incrementale: oggi farete 10, la prossima volta 15 e quella dopo ancora 20. Non cercate di fare troppo e subito: il vostro corpo, la sua elasticità e resistenza devono avere il tempo di abituarsi.

Per quanto riguarda invece le fonti di ispirazione su quali esercizi fare, la tecnologia ci viene in grande aiuto. Dai siti web, ai video su Youtube, fino alle innumerevoli applicazioni che possiamo scaricare sui nostri tablet e smartphone non abbiamo che l’imbarazzo della scelta.

In questo caso non stiamo a consigliarvi qualcosa in particolare, anche perché la disponibilità è pressoché infinita. Quello che ci piacerebbe trasferirvi è piuttosto un metodo e delle raccomandazioni di scelta e di selezione, che dovete poi personalizzare in base alle vostre esigenze e attitudini.

Non sarebbe corretto da parte nostra consigliarvi di guardare quel video o di scaricare quella applicazione, perché magari ciò che riteniamo utile e funzionale per una persona potrebbe non esserlo per un’altra.

Il nostro consiglio è quindi quello di sperimentare in prima persona, fino a trovare ciò che più vi si addice. Se individuate un video, ad esempio, guardatelo tutto fino alla fine senza replicare gli esercizi proposti, in modo da capire, in modalità riposo, se si tratta di un’attività per voi sostenibile. Non mettetevi subito a fare gli esercizi proposti dalla prima applicazione scaricata; prendetevi un po’ di tempo (tanto non manca) per scegliere e valutare bene.

Comunque, per non lasciarvi da soli in questa ricerca, vi riportiamo qui sotto un piccolo elenco di video online e di applicazioni da cui partire per individuare il vostro programma di allenamento domestico ideale.

Canali Youtube

Applicazioni per tablet e smartphone

  • 8Fit
  • Adidas Training by Runtastic
  • Allenamento di 7 minuti
  • Asana Rebel
  • Fitstar Personal Trainer
  • Freeletics
  • Keep, il trainer a domicilio
  • Nike+ Training Club
  • Pocket Yoga
  • Runtastic Results
  • Seconds
  • Seven – 7 minuti di esercizi
  • Sfida fitness 30 giorni
  • Squats Workout
  • Sweat
  • Sworkit
  • Sworkit Stretching
  • Virtuagym
  • Yoga.com

Coronavirus: Villa Donatello si adegua alle nuove disposizioni ministeriali

Coronavirus: Villa Donatello si adegua alle
nuove disposizioni ministeriali


Se devi metterti in viaggio per raggiungere la nostra Casa di Cura

modulo autocertificazione


La nostra Casa di Cura sta svolgendo normalmente tutte le attività cliniche in entrambi i plessi, sia la nella nuova sede di Via Ragionieri a Firenze Castello, che nel presidio storico di Viale Matteotti a Firenze.

Siamo in costante collegamento con la Regione Toscana e con tutti gli altri enti preposti alla gestione di questo periodo, per operare secondo i criteri decisi e seguendo scrupolosamente le indicazioni.

Tra queste vi è quella di disciplinare gli accessi alle strutture sanitarie in maniera da evitare caos e favorire una maggiore sicurezza di chi arriva e di chi si trova già in una struttura clinica. Lo scopo principale è, ovviamente, quello di non favorire eventuali occasioni di diffusione del contagio e di mantenere normale l’erogazione di tutti i servizi a disposizione dei nostri pazienti.

Hai febbre, tosse o difficoltà respiratorie e hai una prenotazione attiva presso una delle nostre strutture? Chiedici uno spostamento di data (chiamandoci allo 055 50975 o collegandoti sul nostro sito web), chiama il Numero Verde della Regione Toscana 800.55.60.60 per informazioni più dettagliate; il numero è attivo dal lunedì al venerdì, dalle ore 9 alle ore 18. Rispondono operatori adeguatamente formati per fornire orientamento e indicazioni sui percorsi e le iniziative individuate dalla Regione sul tema del Coronavirus.

Se pensi di aver avuto contatti stretti con casi confermati di Covid-19 o se sei ritornato nelle ultime settimane in Italia dopo aver soggiornato nelle aree della Cina interessate all’epidemia o da zone sottoposte a quarantena della Regione Lombardia e della Regione Veneto, devi invece fare riferimento ai seguenti contatti messi a disposizione dalle Aziende sanitarie:

➡️Asl Toscana centro (Firenze, Prato, Pistoia, Empoli): 055.5454777 – Email: rientrocina@uslcentro.toscana.it
➡️Asl Toscana nord ovest (Pisa, Livorno, Lucca, Massa Carrara, Viareggio): 050.954444 – rientrocina@uslnordovest.toscana.it
➡️Asl Toscana sud est (Arezzo, Grosseto, Siena): 800.579579 – rientrocina@uslsudest.toscana.it

Villa Donatello, clinica di proprietà del Gruppo Unipol, ha messo a disposizione della Regione Toscana e dell’Area Vasta Centro tre posti letto di terapia intensiva (di cui uno in isolamento) e dodici posti letto di degenza ordinaria al fine di contribuire alla gestione dell’emergenza Coronavirus. I posti letto verrebbero eventualmente destinati ad assistere pazienti affetti da altre patologie per le quali non è possibile rimandare le cure, consentendo agli ospedali pubblici di liberare risorse per curare pazienti infetti da Coronavirus.
Villa Donatello supporta il sistema sanitario pubblico in questo momento di emergenza, integrandosi come un unico sistema sanitario e poggiandosi su un principio di mutua solidarietà tra strutture.


copertina della sezione dedicata alle fonti autorevoli su coronavirus

Cerchi informazioni? Scegli le fonti opportune!

Siamo tutti abituati a consultare la Rete per reperire informazioni. Purtroppo, però, quando si tratta di argomenti delicati come quelli legati alla Salute, è spesso complicato per l’utente non esperto reperire notizie adeguatamente verificate.

La ricerca sui Social Network, le informazioni di seconda mano girate dagli amici, un semplice tweet, non certificano che ciò che state leggendo sia corretto, o addirittura vero, tanto più quando si sta parlando di qualcosa di molto complesso come la natura di questa nuova infezione che è ancora in gran parte sconosciuta allo stesso  mondo scientifico.

Una buona parte del panico e del caos che si sono generati in questi giorni, dipende anche dal fatto che sono circolate notizie incorrette, se non addirittura false e tendenziose. Ecco perché abbiamo deciso di provare ad elencare alcune delle fonti che riteniamo idonee a comunicare una situazione di crisi come quella generata dalla comparsa del coronavirus COVID-19.


Una nostra selezione di articoli e spunti interessanti, in costante aggiornamento

Anche a noi piace rimanere informati. Per questo abbiamo pensato che, nel farlo, potevamo raccogliere gli spunti e le informazioni più importanti per condividerle con chi ci segue.

A questo scopo abbiamo dedicato la nostra attività concentrandoci in special modo su due strumenti a nostra disposizione che vi segnaliamo qui: Twitter, che ci dà l’opportunità di essere rapidi; Flipboard, attraverso la nostra rivista “Villa Donatello News“, dove invece raccogliamo articoli di approfondimento più lunghi.


 

La hall principale di Villa Donatello a Firenze Castello

A Marzo tornano le visite di prevenzione oncologica gratuita del Progetto Mammella

A Marzo tornano le visite di prevenzione oncologica gratuita

Progetto Mammella: Tutte le date e le modalità di prenotazione

Come avevamo anticipato poche settimane fa, nell’articolo in cui parlavamo della presentazione dei nuovi progetti,  Fondazione ANT Italia ONLUS e Villa Donatello, con il sostegno del Banco Fiorentino, proseguono con le attività di prevenzione oncologica gratuite dedicate alle donne residenti in Toscana.

Le prime visite messe a disposizione delle cittadine toscane si avranno a Marzo e saranno parte del Progetto Mammella.

Di seguito potete trovare tutte le date e le modalità di prenotazione.


PROGETTO MAMMELLA

locandina del Progetto Mammella a Villa Donatello per Marzo 2020

I controlli gratuiti per la prevenzione dei tumori alla mammella, per Marzo 2020, saranno dedicate a donne di età inferiore ai 45 anni. Le visite senologiche con ecografia a disposizione saranno 24 e verranno effettuate nei giorni di Giovedì 4 e Mercoledì 18 Marzo, dalle ore 13.30 alle ore 19.30, presso la nostra sede principale in Via Attilio Ragionieri 101 a Sesto Fiorentino.

Per le persone interessate sarà possibile prenotare a partire da Mercoledì 26 Febbraio  fino a Martedì 3 Marzo, Sabato e Domenica esclusi, chiamando dalle ore 9.30 alle ore 13.00 il numero di telefono 348 3102881 fino al completamento dei posti a disposizione.


  • Una volta ottenuta la prenotazione per via telefonica è comunque necessario recarsi a questa pagina del Sito della Fondazione ANT per validare l’appuntamento compilando con i propri dati l’apposito modulo digitale.
  • Per le erogazioni di prestazioni a minori è indispensabile il consenso di entrambi i genitori.
  • Per scoprire come raggiungere la nostra nuova sede con tutti i mezzi possibili vi consigliamo di fare riferimento a questa pagina del nostro Sito Web.

 

immagini dei testimonial del progetto gioca in anticipo contro il tumore durante la presentazione

Gioca d’anticipo contro il tumore 2020

Gioca d’anticipo contro il tumore

Fondazione ANT, Villa Donatello e Banco Fiorentino insieme per la prevenzione anche nel 2020

Continua la collaborazione fra Fondazione ANT, Banco Fiorentino e Villa Donatello, attraverso la promozione di progetti gratuiti di prevenzione oncologica secondaria, offerti alla cittadinanza.

Il 30 Gennaio scorso sono stati presentati il Progetto Ginecologia ed il Progetto Melanoma che gli specialisti ANT attueranno nel 2020 a Villa Donatello e nel Mugello, grazie al sostegno di Banco Fiorentino. A questi si aggiungerà anche il Progetto Mammella per il quale Fondazione ANT raccoglierà fondi nell’area fiorentina per tutto il 2020. Testimonial delle iniziative di quest’anno sono le atlete del Bisonte Volley e i giocatori di Toscana Aeroporti I Medicei.

A Villa Donatello si svolgeranno 12 sessioni di visite gratuite di Progetto Ginecologia: 72 pazienti della nostra regione potranno usufruire, senza alcun costo, di una visita ginecologica con ecografia trans vaginale e Pap-test con lo scopo di individuare eventuali lesioni sospette, permettendo così di intervenire nel modo più adeguato e tempestivo possibile. Il progetto è stato realizzato anche grazie alla collaborazione gratuita di Synlab Italia, per l’esecuzione dell’esame citologico delle cellule del collo dell’utero. A questi accertamenti si è aggiunto, al pari dello screening della Regione Toscana, l’HPV Test (ricerca del Papilloma Virus), in un gruppo di donne selezionato per età e che non l’abbiano già eseguito nei 5 anni precedenti.

Il Progetto Mammella vedrà invece lo svolgersi di 10 giornate dedicate alle donne di età inferiore ai 45 anni; le cittadine avranno a disposizione 120 visite senologiche con ecografia mammaria (ed eventuale mammografia a completamento d’indagine, se necessario). La scelta di questa fascia d’età è legata al fatto che a partire dai 45 anni d’età le donne sono inserite nello screening regionale toscano, su invito.

Banco Fiorentino sarà a fianco di ANT anche per alcune visite di Progetto Melanoma che si svolgeranno nel 2020, a Borgo San Lorenzo, per i cittadini residenti nei Comuni del Mugello. Saranno disponibili 3 giornate con 90 visite dermatologiche sempre gratuite per il controllo della cute e l’individuazione di eventuali lesioni sospette.

Le visite di prevenzione oncologica secondaria nell’ambito dei progetti prima elencati partiranno a marzo e il programma di date sarà comunicato di volta in volta sul nostro blog e sui nostri canali Social.

I programmi di prevenzione oncologica gratuita ANT sono già ripartiti dal mese di gennaio a Lastra a Signa, Signa, Pontassieve, Campi Bisenzio per la Provincia di Firenze e poi a Marina di Carrara, Massa e Poggibonsi in Provincia di Siena. Nei prossimi mesi arriveremo anche nelle altre Province – ha detto Simone Martini, Delegato ANT di Firenze – Sono molto contento che la collaborazione con Villa Donatello possa continuare anche quest’anno e ringrazio il Banco Fiorentino per aver deciso di aumentare il sostegno economico in questo senso. Vorrei sottolineare l’importanza, in una congiuntura economica difficile per molte persone, come è quella attuale, di progetti che garantiscono la possibilità di effettuare visite gratuite di prevenzione oncologica, permettendo così ai cittadini di non dover rinunciare a una parte importante di tutela della propria salute. Ricordo anche il notevole sforzo che Fondazione ANT compie ogni giorno nella nostra regione con l’assistenza domiciliare gratuita e specializzata per i malati di tumore. Rispetto allo scorso anno i nostri operatori sono aumentati ancora: ad oggi abbiamo 9 medici, 1 nutrizionista, 8 infermieri e 5 psicologhe che sono retribuiti da ANT e seguono i malati di tumore delle Province di Firenze, Prato, Pistoia, Massa, dei Comuni della Versilia e della zona di Montevarchi

La salute, la prevenzione oncologica, in modo particolare, sono temi di estrema importanza e attualità – ha aggiunto Paolo Raffini, Presidente del Banco Fiorentino – La nostra banca anche quest’anno, in collaborazione con ANT, vuole dimostrare sensibilità e attenzione verso i propri soci rendendo loro un servizio utile e gratuito per la salute. Un’azione concreta e importante che manifesta il nostro essere banca di servizio della comunità. In quest’ottica si muove anche la rinnovata convezione con Villa Donatello, attraverso la quale offriamo ai nostri soci e dipendenti check-up e analisi a prezzi contenuti.”

L’attenzione alla salute della persona, e quindi anche alla prevenzione, è uno dei pilastri su cui Villa Donatello ha costruito la propria storia- ha dichiarato l’Ing. Lorenzo Bifone Presidente di Villa Donatello – per questo siamo lieti di essere ancora a fianco di Ant anche su questo importante progetto rivolto ad uomini e donne. Da questo punto di vista, avere come testimonial di questa campagna i giovani Atleti e Atlete del Bisonte Volley e della Toscana Aeroporti I Medicei che rappresentano un modello positivo per tutti i giovani, può contribuire allo sviluppo della consapevolezza verso la necessità della prevenzione.


 

Immagine del Premio Villa Donatello dedicato ai giovani atleti del Firenze Rugby 1931

Villa Donatello istituisce un premio per i giovani del Firenze Rugby 1931

Villa Donatello istituisce un premio per i giovani del
Firenze Rugby 1931

L’obiettivo del premio “Atleta dalla A alla Z” è quello di promuovere i valori sani alla base dello sport

Atleta dalla A alla Z” è un nuovo premio istituito dalla nostra Casa di cura, partner sin dal 2017 del club professionistico di rugby Firenze Rugby 1931 “I Medicei” che milita nel campionato di Serie A.

La scelta che abbiamo promosso è stata quella di puntare ai bambini e ai ragazzi che militano nelle giovanili dello storico club fiorentino, nel tentativo di valorizzarne le qualità di atleti a tutto tondo: i criteri di assegnazione del riconoscimento, infatti, vanno dalla serietà e la puntualità allo spirito di squadra, da una corretta alimentazione allo stile di vita anche fuori dal campo. Il punto focale è quello di promuovere tutta una serie di caratteristiche che deve avere uno sportivo oggi: integrità, aspetto fisico, qualità tecniche e comportamenti morali in primis.

Tutte le categorie di giovani saranno coinvolte in questo progetto: i ragazzi delle formazioni Under 6, 8, 12, 14, 16 e Under 18.

La targa – che potete vedere in foto – sarà assegnata nell’intervallo delle partite casalinghe della formazione principale giocate presso il Ruffino Stadium Mario Lodigiani.

A consegnare il riconoscimento saranno un rappresentante della nostra Casa di Cura e uno degli atleti della prima squadra.

La prima assegnazione sarà già effettuata il  prossimo Sabato 21 Dicembre a margine dell’incontro che I Medicei affronteranno contro il FEMI-CZ Rugby Rovigo Delta che inizierà alle ore 15.00

Una cultura sana della partecipazione allo sport e della condivisione di valori si forma proprio a partire dalle compagini giovanili. Questo nostro premio vuol essere un investimento nella formazione di futuri atleti di valore, sani fisicamente, forti dal punto di vista tecnico ma che abbiano anche tutte le caratteristiche di serietà, applicazione, condivisione e inclusione che lo sport moderno richiede come caratteristiche aggiuntive, se non addirittura principali.

In bocca al lupo a tutti i giovani coinvolti e un ringraziamento alla dirigenza de I Medicei che ha creduto come noi nella condivisione dei valori che questo premio porta con sé.

In questo servizio di Italia 7 la premiazione della categoria “Under 8”


 

Le nuove attività commerciali all’interno di Villa Donatello

Le nuove attività commerciali all’interno di Villa Donatello

Presso la nostra sede principale a Sesto Fiorentino, in Via Ragionieri 101, si sono insediati da qualche settimana due importanti punti vendita a supporto delle necessità dei nostri pazienti e dei loro familiari: due attività storiche, presenti da tempo sul territorio, hanno deciso di aprire due corner dedicati ai loro prodotti e servizi.

In questo articolo del nostro blog si raccontano, permettendoci così di dar loro un benvenuto ufficiale con un ringraziamento per il ruolo di supporto che svolgono per i nostri ospiti.

Ottica Galanti: occhiali a Firenze dal 1958

La tradizione nella correzione visiva

Professionalità e qualità da 50 anni al servizio dei fiorentini e non solo. È l’Ottica Galanti che sin dalla sua nascita, mezzo secolo fa, si è distinta nel settore degli occhiali e delle lenti a contatto, offrendo alla clientela le più avanzate tecnologie disponibili nel settore.

Era il 1958 quando Pancrazio Galanti, dopo essersi assicurato un diploma in ottica, decise di abbandonare i piccoli lavori svolti nella trattoria del padre per valorizzare le proprie capacità professionali. Nacque cosi il primo negozio di Ottica Galanti, già allora in Via Gioberti, anche se in un punto diverso e con dimensioni minori rispetto a oggi.

Erano altri tempi e i negozi di ottica offrivano una vasta gamma di prodotti, che includeva anche macchine fotografiche e binocoli. L’Ottica Galanti scelse però ben presto di specializzarsi in lenti e occhiali, offrendo specifici ausili per ipovedenti.

Intanto, nel 1966, il negozio di Via Gioberti, come tutta Firenze, venne travolto dalle acque dell’Arno.

L’acqua distrusse tutto e, come molti altri fiorentini, fummo costretti a ripartire da zero – racconta Pancrazio Galanti – Passammo serate intere, con tutti i familiari, a pulire dal fango le lenti e gli strumenti che si erano salvati. Poi, con un po’ di fatica, abbiamo riaperto il negozio.

Negli anni ’80, all’esperienza di Pancrazio si sono unite le nuove idee dei figli, Marco e Massimo, che da allora gestiscono l’Ottica Galanti insieme al padre.
Il negozio é poi cresciuto ulteriormente, in via Gioberti 104r/106r, passando da una a tre vetrine, potenziando le strumentazioni e le dotazioni tecnologiche, ma anche aprendo un nuovo esercizio in via Martelli 32/r, prima di questa nuova esperienza in collaborazione con la Casa di Cura Villa Donatello.


Anche gli amici della Farmacia Ragionieri hanno deciso di attivare una parafarmacia/articoli sanitari presso la nostra struttura di Firenze Castello, ecco la loro storia…

Parafarmacia Ragionieri

Gli inizi

Era il 29 Settembre 1892 quando Guglielmo Ernesto Ragionieri aprì la prima farmacia autorizzata di Sesto Fiorentino.

Proveniva, insieme a quattro fratelli e una sorella, da una importante famiglia sestese: il fratello Eugenio fu direttore del giardino Guicciardini, Cesare divenne maestro imbalsamatore di uccelli e piccoli animali, Guido si dedicò al commercio di piante e vini in Italia e all’estero, Attilio al quale è stata dedicata anche una strada di Sesto, fu medico e floricoltore, mentre Carolina sposò un esponente di un’altra importante famiglia di Sesto: i Biondi.

Guglielmo Ernesto ebbe due figli maschi, Rodolfo e Roberto, che videro la luce nella casa sopra la farmacia, in quelle stanze dove ora ci sono gli studi medici.

Nel 1914 Ernesto morì prematuramente, i figli furono richiamati in guerra e uno zio paterno si occupò della farmacia fino al ritorno dei due giovani che si erano laureati in farmacia e in chimica. Dalla loro collaborazione fraterna nasce anche il nome Dr. R.R. Ragionieri che sta per Roberto e Rodolfo.

Ieri

Nel periodo fra le due guerre la farmacia divenne un punto di riferimento per tutto il territorio, non solo per i pazienti ma anche per i medici e i veterinari che qui si riunivano non solo per il servizio notturno o domenicale ma anche per discutere e giocare a carte!

Nel 1967, quasi contemporaneamente, i due fratelli scomparvero e il compito di proseguire sulla strada tracciata dai suoi familiari fu affidato a Piero, figlio di Roberto.

Il “Dottor Piero”, così chiamato da tutti i sestesi, oltre che a gestire, rinnovare e ingrandire la farmacia fino ad accompagnarla al XXI secolo, fu autore di diversi libri di narrativa, saggi, poesie e anche di “I cento anni di una Farmacia” che pubblicò nel 1992 in occasione dell’anniversario. In questo suo lavoro scrisse:

…Un tempo lungo se si pensa che è stata aperta, nei cento anni, anche tutti i sabati e spesso tutte le domeniche per una media di almeno 335 giorni l’anno. Fino alla seconda guerra mondiale non vi erano stati, nel confronto col passato, grossi sconvolgimenti effettivi nel lavoro del farmacista, anche se già erano apparse le prime specialità medicinali. Basti pensare che gran parte delle preparazioni veniva fatta a mano, compreso l’approntamento di estratti e tinture, di unguenti e pomate ed anche di fiale iniettabili. Le sostanze venivano conservate in luoghi freschi o in ghiacciaie rifornite con stecche di ghiaccio, i medicinali venivano da Firenze con un carro a cavalli, le sostanze dovevano essere macinate, setacciate, filtrate. Venivano conservate in vasi le sanguisughe (che negli anni ’60 erano ancora prescrivibili per le mutue) e allevati in vasche i ranocchi per le analisi di gravidanza. Veniva il venditore di miele, di camomilla e lavanda essiccate, la sugna per gli unguenti la forniva il macellaio e tante altre materie prime venivano fornite non da industrie specializzate, ma dai comuni fornitori domestici.

Oggi

La farmacia di oggi è molto cambiata da quella che ci ha descritto il Dottor Piero nel suo libro. E’ diventata un luogo in cui si dispensano i servizi, si fa educazione sanitaria, si entra con richieste ed esigenze di ogni genere. Ma la Farmacia Ragionieri continua ad essere un punto di riferimento per tutta l’area sestese, un luogo dove trovare non solo farmaci, cosmetici, giocattoli per bambini e informazioni sugli ultimi ritrovati, ma soprattutto consigli, servizi e cortesia.

Nel 2006 il Dottor Piero ci ha lasciati e il lavoro prosegue con la figlia Alessandra, anche lei farmacista, che con il figlio Alexander, esperto in fitoterapia e preparazioni galeniche (quinta generazione di farmacisti!), porta avanti il compito iniziato dalla famiglia il 29 Settembre 1892, con nuove iniziative come quella che ha portato alla nascita dello spazio dove acquistare prodotti di parafarmacia e altri articoli sanitari, visitabile all’interno della Casa di Cura Villa Donatello.


Alcune immagini dei due nuovi corner


 

1 2 3 12