vista di Firenze dall'alto: in primo piano l'Arno e Ponte Vecchio

Firenze: un Giugno all’insegna della prevenzione oncologica

A Firenze un Giugno all’insegna della prevenzione oncologica

Visite gratuite per i cittadini di Firenze e dintorni: ecco tutti gli appuntamenti

Un Giugno dedicato alla prevenzione oncologica gratuita quello messo a disposizione della cittadinanza dalla Casa di Cura Villa Donatello in collaborazione con Fondazione ANT Italia ONLUS.

Si rinnova quindi l’impegno della nostra struttura verso la promozione della prevenzione, dei controlli medici, nella speranza di sensibilizzare quante più persone possibili su questo fronte.

Il Calendario di Giugno

A seguire il calendario delle prestazioni gratuite delle quali potrete usufruire presso la nostra Casa di Cura in Viale Matteotti 4 a Firenze. 

Vi preghiamo di fare molta attenzione: dopo aver prenotato la visita è necessario andare a questa pagina del Sito Web di Fondazione ANT Italia ONLUS e compilare il modulo “Registrazione visite” per convalidare la prenotazione.

Vi ricordiamo inoltre che, ai sensi del D. Lgs. 196/2003 e successive modifiche, in assenza del consenso dei genitori i minori non potranno essere visitati.


PROGETTO MELANOMA

la locandina del Progetto Melanoma a Giugno presso Villa Donatello

La prima data a disposizione è quella di Martedì 6 Giugno dove saranno messe a disposizione delle persone che si prenoteranno, dalle 8.15 sino alle 12.15, 15 visite gratuite. Sarà possibile prenotarsi dal 29 Maggio al 5 Giugno chiamando il numero 348 3102881 dalle ore 9.00 alle ore 13.00, Sabato e Domenica esclusi.


PROGETTO TIROIDE

locandina delle visite gratuite del progetto tiroide a Firenze

Venerdì 9 e 16 Giugno saranno messe a disposizione 14 ecografie gratuite per la diagnosi precoce dei noduli tiroidei. L’orario degli esami sarà dalle 8.30 alle 11.3o. Potrete prenotare al numero 348 3102881 dall’1 Giugno fino all’8 chiamando dalle ore 9.00 alle ore 13.00, Sabato e Domenica escluse.


PROGETTO MAMMELLA

Locandina del Progetto Mammella presso la Casa di Cura Villa Donatello

Due gli appuntamenti dedicati alla prevenzione del cancro al seno:

Giovedì 15 Giugno, dalle ore 13.00 alle ore 19.00, saranno erogate 12 visite senologiche più ecografie per le donne di età inferiore ai 45 anni;

Giovedì 22 Giugno, sempre dalle ore 13.00 alle ore 19.00, saranno messe a disposizione delle donne a partire dai 45 anni di età12 visite senologiche più mammografie. Per effettuare la mammografia è necessario presentarsi con una richiesta del medico di fiducia.

Anche in questa occasione sarà possibile prenotarsi chiamando dalle 9.00 alle 13.00 il numero 348 3102881 dal 6 al 13 Giugno, Sabato e Domenica esclusi.


PROGETTO GINECOLOGIA

Locandina del Progetto Ginecologia, a Giugno presso Villa Donatello

Il Progetto Ginecologia chiude il ricco calendario di Giugno dedicato alla prevenzione oncologica gratuita.

Sabato 17 Giugno dalle ore 9.00 e fino alle ore 13.00, saranno disponibili 8 controlli gratuiti per la prevenzione dei tumori ginecologici riservati a donne provenienti da tutta la Toscana.

Anche in questo caso il numero da chiamare a partire dall’8 al 15 Giugno dalle ore 9.00 alle ore 13.00 (Sabato e Domenica esclusi) è il 348 3102881.

È la tua vita: non lasciarla sfiorire.

 

immagini di pillole di aspirina su sfondo blu

Aspirina: l’assunzione quotidiana diminuisce il rischio di morte per cancro?

Aspirina: l’assunzione quotidiana diminuisce il rischio di morte per cancro?

Probabilmente sì, come spiega una recente ricerca, ma con le dovute precauzioni.

Milioni di persone nel mondo, ogni giorno, assumono un basso dosaggio di aspirina per ragioni legate alla salute cardiaca. Oggi sembra emergere un legame, almeno statistico, tra questa pratica quotidiana ed il rischio di morte per cancro.

Una ricerca compiuta negli Stati Uniti, su un dato relativo a più di 130.000 anziani, ha mostrato che l’incidenza della morte per cancro su persone che fanno uso giornaliero di acido acetilsalicilico diminuisce tra il 7% e l’11% rispetto a chi invece non ne fa uso.

La diminuzione dell’incidenza è più evidente se si analizzano dati relativi al cancro al colon, più che su quelli al seno, alla prostata o ai polmoni.

Sembrerebbero comunque emergere nuovi elementi – dichiarano i ricercatori coinvolti – sulla tesi già ampiamente dibattuta in letteratura scientifica di un legame tra l’aspirina e le sue capacità di combattere preventivamente i tumori.

Da questo punto di vista, comunque, gli stessi ricercatori ricordano che le persone non devono cominciare ad assumere aspirina ogni giorno soltanto nella speranza di diminuire la loro percentuale di rischio.

Anche se grandi organizzazioni come la U.S. Preventive Services Task Force già da tempo consigliano ad alcune categorie di persone anziane l’uso preventivo di basso dosaggio di aspirina contro il rischio di cancro al colon, ciò non toglie che l’aspirina, in alcuni casi, possa avere effetti collaterali importanti, come sanguinamenti, emorragie ed altro ancora.

Per questa ragione la decisione di assumere aspirina come sostanza preventiva deve essere presa in stretta collaborazione con il proprio medico di riferimento il quale, conoscendo il quadro medico generale, è in grado di soppesare sia i vantaggi che gli svantaggi e prendere così la decisione migliore per e con il proprio paziente. Tutto questo è ancora più vero se si tiene conto che stiamo parlando di dati statistici su vasta scala, che non descrivono il fatto che su alcune percentuali importanti di persone analizzate questi effetti benefici dell’aspirina non sono stati riscontrati.

La statistica, in questi casi, indica spesso percorsi di ricerca da sfruttare, ma non rappresenta una prova certa del rapporto tra causa ed effetto. Questo è sempre bene ricordarlo per non cedere all’illusione di trovare strade semplici per sconfiggere patologie complesse, andando magari invece a complicare altre situazioni.


 

la mano guantata di un medico tiene una siringa

Un Cavallo di Troia contro il Cancro grazie alle nanoparticelle?

Contro il Cancro un’iniezione di nanoparticelle in sperimentazione

Un metodo promettente che simula un’infezione virale potrebbe mettere in moto il Sistema Immunitario a combattere i tumori?

Una ricerca tedesca presentata Mercoledì scorso simulerebbe la presenza di un virus nel nostro corpo tale da smuovere il Sistema Immunitario ad attaccare i tumori.

È forse l’immunoterapia la soluzione che tutto il mondo sta aspettando contro la più terribile delle malattie? La ricerca purtroppo si avvale, ad oggi, soltanto di risultati ottenuti su tre pazienti ma sembrerebbe risvegliare il corpo umano a combattere la malattia in maniera aggressiva.

Sviluppato in laboratorio questo vero e proprio Cavallo di Troia conterrebbe RNA tumorale – vero e proprio codice genetico della malattia – trattenuto da una membrana.

L’iniezione svilupperebbe nel sistema una vera e propria simulazione di un’infezione virale: cellule dendritiche decodificherebbero l’RNA tumorale presente nelle nanoparticelle attivando, di conseguenza, la produzione di antigeni tumorali. Questi antigeni attiverebbero a loro volta cellule specializzate a combattere quelle tumorali.

Dopo un primo periodo di test effettuati su cavie la soluzione è stata testata su tre pazienti con cancro della pelle in stadio avanzato in quella che rimane comunque una prima fase di un processo lungo e complicato per assicurare la validità di questa nuova scoperta.

I primi risultati sono molto promettenti visto che si è riusciti a sviluppare una forte risposta immunitaria come riportato dal team di ricerca sulla rivista Nature.

Se ulteriori studi confermassero il funzionamento di questo sistema si potrebbe provare a realizzare delle varianti in grado di attaccare qualsiasi forma di cancro esistente, annunciano ancora i ricercatori.

Questa nuova forma di trattamento, chiamata per il momento Vaccino RNA, funzionerebbe quindi come un vaccino vero e proprio, imitando un agente infettivo in grado di stimolare la risposta del nostro sistema immunitario.

Le risposte immunitarie riscontrate sono davvero impressionanti

annunciano Jolanda de Vries e Carl Figdor, esperti del centro medico dell’Università Radboud di Nijmegen nei Paesi Bassi, nell’analisi pubblicata su Nature aggiungendo anche

La ricerca è ancora agli albori. Saranno necessari studi diffusi su larga scala prima di poter convalidare i risultati osservati fino ad oggi.

L’immunoterapia viene già utilizzata nel trattamento di alcune forme di cancro, ma non è ancora stato sintetizzato alcun vaccino universale.

A differenza di virus, batteri o funghi – che possono essere aggrediti dai farmaci – le cellule tumorali non sono intruse, bensì cellule del nostro corpo il cui DNA è danneggiato. Questo è il motivo principale per cui la maggior parte esse circolano in incognito nel nostro corpo senza che il sistema immunitario le riconosca e attacchi.

Per la stessa ragione trovare farmaci in grado di uccidere le cellule malate senza danneggiare quelle sane si è rivelato da sempre molto complicato.

La chemioterapia, per esempio, ha come obiettivo le cellule in rapida divisione, tipiche del cancro, non riuscendo però a distinguere tra buone cattive.

L’immunoterapia, in questo caso, servirebbe per stimolare la risposta del corpo mirata all’uccisione delle sole cellule malate.

Anche se la ricerca è molto interessante, rimane in qualche modo ancora lontana dall’essere di provata come beneficio effettivo per i pazienti

specifica Alan Melcher, Professore di Immunoterapia presso l’Institute of Cancer Research di Londra. 

Una delle altre sfide in sospeso, riguardo a questo tipo di terapia sperimentale, rimane la difficoltà pratica nella produzione su vasta scala di nanoparticelle che rendano davvero possibile l’applicazione clinica.

fonte: The Guardian

Come sempre seguiremo gli sviluppi su questo argomento, fornendovi nei nostri spazi Social che trovate a destra di questo articolo i link ad ulteriori notizie.

Se questo articolo è stato di vostro interesse forse potrebbe interessarvi leggere anche Inefficacia degli Antibiotici: il fronte dell’allarme si estende

oppure 25 curiosità sul Corpo Umano che forse non sai…