Il manifesto di Donatello D'Argento

Donatello D’Argento

Il manifesto di Donatello D'Argento

Donatello D’Argento

Un mese di iniziative, idee, storie e consigli per coltivare la Terza Età
[Programma degli Eventi in calce all’articolo]

Essere anziani è una fase della vita che stiamo imparando a valorizzare.
Dall’invecchiamento attivo alla silver economy, gli Over 65 saranno sempre più protagonisti della nostra società. 

Siamo proprio sicuri che invecchiare sia così brutto? L’età porta con sé anche molti vantaggi. L’esperienza, per esempio. Gli anni non passano invano. Per fortuna!

Sgombriamo subito la mente da un equivoco: entrare nella cosiddetta terza età non significa inevitabilmente decadenza, malattia, disabilità e isolamento.

La nostra salute dipende dal modo in cui viviamo, dal nostro stile di vita, dalle nostre abitudini. Per mantenerci in buone condizioni, conta
prima di tutto l’alimentazione: una dieta sana ed equilibrata è fondamentale. Poi l’attività fisica: un po’ di movimento è consigliato a tutte le età, nei modi indicati dal medico di fiducia.

Un altro aspetto da considerare è la vita sociale: stare in compagnia e condividere piaceri e passioni ci fa sentire attivi.

Nel mese di Settembre, Villa Donatello ha deciso di dare vita ad una serie di iniziative dedicate proprio alle persone che stanno attraversando gli Anni d’Argento.

Eventi, incontri e convegni, attività culturali e d’informazione, senza dimenticare una giornata davvero speciale, il prossimo 21 Settembre, che sarà dedicata ad una vasta offerta di screening gratuiti dedicati alla prevenzione.

Per non perderti le informazioni su tutti gli eventi previsti per Donatello D’Argento clicca qui sotto e

Villa Donatello “Clinica Aperta”

La nostra clinica privata è nata a Firenze nel 1946. Secondo la sua carta di identità, è decisamente una over 65. Un’anziana, insomma!

73 anni di vita ne fanno un pezzo di storia della nostra sanità, una cara e gloriosa vecchia istituzione per generazioni di toscani.

Ma se ci passate il paragone, vorremmo confrontare Villa Donatello con una persona ultrasettantenne di oggi. Le frontiere dell’anzianità si sono spostate – e stanno continuando a spostarsi anno dopo anno – con una velocità sorprendente.

Avere 70 o più anni nel 2019 non è la stessa cosa che averli avuti cento, cinquanta o anche appena trent’anni fa.

L’anziano attuale ha tutte le carte in regola per giocare un ruolo attivo nella società.

Il concetto stesso di anziano è in continua e profonda evoluzione.

Anche Villa Donatello è in evoluzione. Attraverso gli anni è cambiata, così come cambiavano la società, le persone, i costumi e, naturalmente, la medicina.

Da casa di cura elitaria, la cui alta qualità era destinata soltanto a chi poteva permettersela, Villa Donatello è diventata – e sta sempre
più diventando – una clinica aperta.

È proprio questa la definizione che più ci piace: clinica aperta.

Ma aperta a chi? Aperta a cosa? Aperta al territorio, grazie a un rapporto sempre più intenso non soltanto con le istituzioni politiche ma con tutto il tessuto sociale, l’imprenditoria, le organizzazioni civili, il volontariato.

Aperta ai cittadini, grazie ad accordi e convenzioni che rendono i suoi servizi e le sue prestazioni mediche e chirurgiche sempre più accessibili, anche in termini di costi.

Aperta, insomma, perché la sua alta qualità finalmente è alla portata economica non più di pochi ma di tanti.

Aperta, inoltre, perché progettata e strutturata sempre più a misura delle esigenze dei pazienti, come dimostrano i nuovi servizi quali il Fast Aid, l’ambulatorio per le piccole emergenze di salute aperto 7 giorni su 7 senza attese né prenotazioni, e il nuovo servizio Trauma Clinic, per chi ha un trauma o un’urgenza ortopedica e vuole risolverli presto e bene.

Non a caso, gli eventi a tema che Villa Donatello si sta impegnando a organizzare, tra cui quello di cui stiamo parlando dedicato alla terza età, si chiamano “Clinica aperta”.

La filosofia che li ispira, infatti, è quella di aprire le porte della clinica privata ai cittadini, attraverso una serie di iniziative che comprendono momenti tra loro complementari: la divulgazione medico-scientifica, con conferenze e dibattiti; la promozione della prevenzione, con pacchetti di visite gratuite; l’intrattenimento culturale, con eventi e spettacoli.

Attiva, positiva e con la voglia di avere un ruolo sempre più centrale nella sanità e nella società. È questa la Villa Donatello di oggi.

Un esempio di come, a 70 anni, si possa essere pieni di cose da fare. E di obiettivi da realizzare.


DONATELLO D’ARGENTO: IL PROGRAMMA

Eventi

Giovedì 12 Settembre – ore 18:30 (Sala Convegni c/o Villa Donatello Sede di Firenze Castello)

“Vino, Eros e sorrisi per vivere bene la Terza Età” (in collaborazione con Ruffino S.r.l.)
Francesco Sorelli (responsabile relazioni pubbliche Ruffino S.r.l.) intervista il Dr. Nicola Mondaini – uroandrologo presso Villa Donatello – e Gaetano Gennai attore fiorentino – per parlare in maniera scientifica e divertente delle proprietà del vino e della salute sessuale nella Terza Età.
[Seguirà aperitivo]

Lunedì 16 Settembre – ore 18:30 (Sala Convegni c/o Villa Donatello Sede di Firenze Castello)

“A tavola non si invecchia” (in collaborazione con FIPAC Confesercenti Firenze)
Lo chef Riccardo Bartoloni (Ristorante Giannino in San Lorenzo) e il maestro pasticcere Simone Bellesi (Caffè Pasticceria Neri) prepareranno piatti e dolci della cucina toscana sotto la guida delle nutrizioniste di Villa Donatello Flavia Fondelli ed Elisabetta Papi.
[Seguirà aperitivo con i piatti preparati durante l’evento]

Lunedì 23 Settembre – ore 18:30 (Sala Convegni c/o Villa Donatello Sede di Firenze Castello)

“Lo stile di vita nella Terza Età: un alleato della salute” (in collaborazione con CNA Pensionati Firenze)
Un racconto a cura dello staff di Donatello Vivermeglio su come sia possibile con pochi accorgimenti impostare uno stile di vita sano e corretto anche in terza età.
[Seguirà aperitivo]

Da giovedì 12 settembre fino a sabato 28 settembre, sarà presente presso la Sede di Firenze Castello una mostra fotografica (“FIRENZE D’ARGENTO” – Immagini per ricordare o scoprire come eravamo e come siamo cambiati nel tempo) realizzata grazie al prezioso contributo della pagina facebook “Vecchia Firenze Mia” ed a disposizione per tutti i pazienti, ospiti e visitatori che vorranno visitarla.

Incontri e convegni

Lunedì 9 Settembre – ore 12:30 (Sala Barile c/o Consiglio della Regione Toscana)
Conferenza stampa di presentazione del mese “Donatello D’Argento”

Sabato 28 Settembre – ore 8:15 (Sala Convegni c/o Villa Donatello Sede di Firenze Castello)
“Fragilità nell’anziano: multimorbilità e disabilità”
Un convegno rivolto ad infermieri e medici di famiglia, dedicato ad un approfondimento multidisciplinare sulle principali innovazioni nella gestione del paziente anziano.

Lunedì 30 Settembre – ore 13:30
Brindisi di chiusura del mese Donatello D’Argento e presentazione delle nuove attività del Presidio di Villa Donatello a Firenze Centro
Un brindisi a fine giornata per chiudere il mese Donatello D’Argento e presentare le nuove attività che renderanno la sede di viale Matteotti un punto di presenza ancora più importante nel cuore della città.

Sconti

Da martedì 10 settembre fino a sabato 28 settembre tutti gli over 65 avranno diritto ad uno sconto del 20% su tutte le prestazioni diagnostiche.

Screening gratuiti

Sabato 21 Settembre nella sede di Via Ragionieri e nel presidio di Viale Matteotti, Villa Donatello metterà a disposizione della popolazione over 65 circa 300 screening gratuiti nelle seguenti specialità:

Oculistica (Sede) — Screening del glaucoma
Oculistica (Sede) — Screening della retina
Dermatologia (Sede e Presidio) — Screening del melanoma
Urologia (Sede e Presidio) — Screening della prostata
Flebologia (Presidio) — Valutazione clinica della salute delle gambe
Odontoiatria (Presidio) — Screening per la diagnosi precoce del tumore del cavo orale
Ortopedia (Sede) — Screening della salute del piede
Ginecologia (Sede e Presidio) — Screening ginecologico
Fisioterapia (Presidio) — Valutazione clinica dell’equilibrio e prevenzione delle cadute
Otorinolaringoiatria (Sede e Presidio) — Screening dell’udito ed esame audiometrico

un'immagine dell'Aquabeam

Aquabeam Waterject: Trattamento con getto d’acqua per l’iperplasia prostatica benigna con conservazione della eiaculazione

Aquabeam Waterject

Trattamento con getto d’acqua per l’iperplasia prostatica benigna con conservazione della eiaculazione

Villa Donatello la prima casa di cura privata ad utilizzarlo in Italia

Recentemente sono stati eseguiti nei più prestigiosi ospedali europei i primi interventi per la terapia dell’iperplasia prostatica benigna con utilizzo della rivoluzionaria terapia a getto d’acqua AQUABEAM.

Villa Donatello è la prima casa di cura privata a dotarsi di questo rivoluzionario macchinario.

I risultati ottenuti da questo nuovo approccio alla malattia prostatica sono molto importanti se teniamo conto del fatto che si stima che circa il 50% degli uomini dopo i 50 anni e l’80-90% dopo gli 80 anni sia affetto da ipertrofia prostatica.

Il Dottor Andrea Cocci – urologo sia all’Ospedale di Careggi che presso la nostra Casa di Cura e fra i primi chirurghi in Italia abilitato all’esecuzione della nuova tecnica – ci racconta di che cosa si tratti:

Questo trattamento innovativo dell’ipertrofia prostatica benigna è stato sviluppato negli Stati Uniti nella famosa Silicon Valley con l’obiettivo rendere un intervento comune come la resezione prostatica in caso di ipertrofia, semplice, veloce e sofisticato a tal punto da mantenere strutture nobili come quelle deputate alla eiaculazione.

La rivoluzione di questa procedura risiede nel sovrapporre l’immagine vista dal chirurgo con la strumentazione ottica con l’immagine ecografica ad alta risoluzione. Questo permette di definire i margini di resezione del tessuto e procedere in circa 4 minuti alla rimozione del tessuto interessato. Se comparato ai tempi di circa 60-120 minuti delle tecniche standard, la tecnologia Aquabeam rende questo intervento alla portata anche di chi ha problemi a sopportare l’anestesia per lunghi periodi.

Fra i molti vantaggi che questa tecnica offre ai pazienti attualmente selezionati grazie a criteri specifici, vanno sicuramente segnalate:

assenza di incisioni chirurgiche
durata dell’intervento (la procedura dura soltanto pochi minuti)
assenza di anestesia totale
preservazione della eiaculazione

Aquabeam usa una tecnologia ad acqua fredda il che riduce di molto il rischio di conseguenze sulle regolari funzioni sessuali, dato che l’effetto termico non impatta sulle strutture nobili nervose.

Questa procedura è entrata in uso regolare presso i maggiori ospedali americani ed europei con risultati stabili negli anni successivi al trattamento.

Gli urologi che hanno adottato questa tecnica, come il Dottor Andrea Cocci, si stanno confrontando per migliorarne la frontiera e permettere a molti più pazienti di poter accedere a questa tipologia di intervento.

I risultati ottenuti fino ad oggi offrono elementi di ottimismo perché la tecnica risponde alle necessità di cura, elevando gli standard di qualità della vita dei pazienti coinvolti.

Siamo inoltre lieti di presentare il video tutorial della procedura con la spiegazione del Dottor Andrea Cocci e i risultati ottenuti spiegati da un paziente che ha optato per questa procedura.


 

immagine del macchinario REZUM per la terapia dell'iperplasia prostatica benigna con il vapore acqueo

Il REZUM: Trattamento con vapore acqueo per l’iperplasia prostatica benigna

Il REZUM: Trattamento con vapore acqueo per l’iperplasia prostatica benigna

Villa Donatello la prima ad utilizzarlo in Italia dopo Careggi: unica tra le cliniche private

Recentemente sono stati eseguiti, prima all’Ospedale Careggi di Firenze e poi a Villa Donatello, i primi interventi in Italia per la terapia dell’iperplasia prostatica benigna con iniezioni di vapore acqueo.

I risultati ottenuti da questo nuovo approccio alla malattia prostatica sono molto importanti se teniamo conto del fatto che si stima che circa il 50% degli uomini dopo i 50 anni e l’80-90% dopo gli 80 anni sia affetto da ipertrofia prostatica.

Il Dottor Giampaolo Sienaurologo sia all’ospedale di Careggi che presso la nostra Casa di Cura e fra i primi chirurghi in Italia abilitato all’esecuzione della nuova tecnica – ci racconta di che cosa si tratti:

Questo trattamento innovativo dell’ipertrofia prostatica benigna è stato sviluppato negli Stati Uniti inizialmente per curare piccole lesioni tumorali circoscritte all’interno della prostata, successivamente il metodo innovativo si è diffuso nel 2015 in America e nel 2018 nel Nord Europa come trattamento alternativo all’intervento chirurgico di asportazione della prostata ingrossata.

Il vapore viene nebulizzato nel tessuto prostatico con un ago sottilissimo – prosegue il Dottor Siena – attraverso una sonda all’interno dell’uretra. Qualche settimana dopo l’applicazione il volume della ghiandola inizia a ridursi con il miglioramento dei sintomi dell’ipertrofia come la difficoltà a urinare. I risultati definitivi si ottengono a distanza di 2-3 mesi dal trattamento che consente la completa sospensione dei farmaci.

Fra i molti vantaggi che questa tecnica offre ai pazienti attualmente selezionati grazie a criteri specifici, vanno sicuramente segnalate:

  • l’assenza di incisioni chirurgiche
  • la durata dell’intervento (la procedura dura soltanto pochi minuti ed è effettuata in regime ambulatoriale e di Day Hospital)
  • l’assenza di anestesia totale (è infatti sufficiente una sedazione blanda)

Il nuovo approccio offerto dal REZUM riduce di molto il rischio di conseguenze sulle regolari funzioni sessuali, dato che l’effetto termico dovuto alla nebulizzazione del vapore agisce soltanto in zone specifiche all’interno della prostata, lasciando intatti i tessuti circostanti.

Una serie di studi effettuati negli Stati Uniti, dove la terapia che utilizza l’energia convettiva del vapore per la cura dell’iperplasia prostatica benigna è in uso già dal 2015, dimostrano come questa procedura rapida e mininvasiva produca risultati stabili sino a 4 anni dall’intervento.

Gli urologi che hanno adottato questa tecnica, come il Dottor Giampaolo Siena, si stanno confrontando per migliorarne la frontiera e permettere a molti più pazienti di poter accedere a questa tipologia di intervento. I risultati ottenuti fino ad oggi offrono elementi di ottimismo perché la tecnica risponde alle necessità di cura, elevando gli standard di qualità della vita dei pazienti coinvolti.


 

Un gene proteggeva i nostri antenati dall’attacco di cuore

Un gene proteggeva i nostri antenati dall’attacco di cuore

Circa 4 milioni di uomini e 3.5 milioni e mezzo di donne muoiono ogni anno nel mondo per attacco di cuore. L’infarto e le malattie cardiovascolari sono, a tutt’oggi, il nemico numero uno per la nostra salute.

Sappiamo benissimo quali siano gli indicatori da tenere sotto controllo per capire se si è più esposti al rischio di attacco di cuore: pressione alta, accumulo di colesterolo, vita sedentaria, fumo, stress, cattiva alimentazione…

Quello che la scienza si è sempre chiesto, però, è come mai in natura esistano esseri molto simili all’uomo, per esempio gli scimpanzè, che sembrano quasi totalmente immuni dal rischio d’infarto, anche in caso di sedentarietà e di livelli elevati di colesterolo.

La perdita di un singolo e specifico gene nei nostri antenati può aiutare a spiegare perché gli esseri umani sono gli unici animali in cui gli attacchi cardiaci sono comuni.

Per noi si è sempre trattato di un vero e proprio mistero – afferma il Prof. Ajit Varki della University of California San Diego School of Medicine – Ci siamo sempre chiesti che cosa ci fosse di insolito negli esseri umani, rispetto all’attacco di cuore.

Due o tre milioni di anni fa i nostri antenati hanno acquisito una mutazione genetica che ha inattivato un gene, rendendoci carenti di molecole chiamate acidi sialici. Nello studio, pubblicato dal PNAS (Proceedings of the National Academy of Sciences of the United State of America), i ricercatori hanno modificato geneticamente alcuni topi così da essere più simili agli esseri umani nella loro carenza di una molecola di zucchero specifica chiamata Neu5Gc. Quello che è emerso dall’esperimento è che, nelle cavie modificate e sottoposte ad un regime alimentare ricco di grassi, la presenza di aterosclerosi (causa principale dell’insorgenza di infarti e ictus) era quasi il doppia rispetto a quella riscontrabile nei topi non modificati.

Anche se l’aterosclerosi può avere effetti devastanti sul corpo, l’inattivazione del gene CMAH avvenuta nella nostra razza non ha effetti soltanto negativi:

Certo, è una mutazione ormai permanente negli esseri umani, non è più possibile invertirla – conclude il Prof. Varki – In realtà non ha alcun senso pensare di invertirla perché porta con sè anche molti altri effetti, come quelli che aiutano a spiegare perché gli esseri umani sono molto bravi a correre su lunghe distanze.

Da questa ricerca, oltre alla semplice curiosità risolta su come fosse possibile essere più soggetti ad attacchi di cuore rispetto a specie simili alla nostra, si spera di sviluppare una sorta di antidoto che ci permetta di consumare delle  modiche quantità di carni rosse godendo dei loro nutrienti senza necessariamente subirne gli effetti negativi. A questo punto si ferma la notizia e comincia il necessario periodo di studio e approfondimento. Ovviamente vi terremo aggiornati qualora emergessero future novità.


 

sala d'attesa di Villa Ragionieri

Giugno 2019: gli appuntamenti con le giornate di prevenzione oncologica gratuita

Gli appuntamenti con le giorate di prevenzione oncologica gratuita

Giugno 2019: tutte le date a Sesto Fiorentino e Firenze

Fondazione ANT Italia ONLUS e Villa Donatello, con il sostegno del Banco Fiorentino ripropongono anche per il mese di Giugno 2019 delle giornate di prevenzione oncologica gratuita. Questo mese i progetti e le prestazioni messe a disposizione, sono dedicate alle cittadine toscane interessate e riguardano il Progetto Mammella e il Progetto Ginecologia.

A seguire troverete tutte le date e le modalità di prenotazione.


PROGETTO GINECOLOGIA

 

locandina progetto ginecologia giugno 2019

Saranno 6 i controlli gratuiti inseriti nelle attività di Giugno 2019 dedicate al Progetto Ginecologia, messi a disposizione nella data di Sabato 8 Giugno, dalle 9.00 alle 12.00, presso la nostra sede principale in Viale Attilio Ragionieri 101 a Sesto Fiorentino.

Sarà possibile prenotarsi fino a Giovedì 6 Giugno telefonando dalle ore 9.30 alle ore 13.00 al numero 348 3102881 fino ad esaurimento dei posti disponibili.


PROGETTO MAMMELLA

locandina del progetto mammella

Le visite senologiche con ecografia del Progetto Mammella per la prevenzione del tumore al seno saranno specificamente dedicate a donne di età inferiore ai 45 anni: sono 12 le visite in programma per Mercoledì 12 Giugno, dalle ore 13.30 alle ore 19.30, presso la nostra sede principale in Via Attilio Ragionieri 101 Sesto Fiorentino.

Nel caso foste interessate, sarà possibile prenotare a partire da Martedì 4 Giugno e fino a Martedì 11 Giugno, Sabato e Domenica esclusi, chiamando dalle ore 9.30 alle ore 13.00 il numero di telefono 348 3102881 fino al completamento dei posti a disposizione.


INFORMAZIONI IMPORTANTI

  • Una volta ottenuta la prenotazione per via telefonica è comunque necessario recarsi a questa pagina del Sito della Fondazione ANT per validare l’appuntamento compilando con i propri dati l’apposito modulo digitale.
  • Per le erogazioni di prestazioni a minori è indispensabile il consenso di entrambi i genitori.
  • Per scoprire come raggiungere la nostra nuova sede con tutti i mezzi possibili vi consigliamo di fare riferimento a questa pagina del nostro Sito Web.

 

una delle facciate di Villa Ragionieri a Sesto Fiorentino

Gli appuntamenti di Maggio con la prevenzione oncologica gratuita di ANT e Villa Donatello

Fondazione ANT e Villa Donatello

Gli appuntamenti di prevenzione oncologica gratuita di Maggio 2019

Tornano nel mese di Maggio 2019 gli appuntamenti dedicati alla prevenzione gratuita realizzati presso la nostra Casa di Cura grazie alla nostra collaborazione con Fondazione ANT Italia ONLUS e con il sostegno del Banco Fiorentino.

Anche per questo mese le date a disposizione saranno dedicate al Progetto Ginecologia e al Progetto Mammella. A seguire troverete tutte le date e le modalità per prenotare le prestazioni.


PROGETTO GINECOLOGIA

locandina del progetto ginecologia di maggio 2019

Le attività di Aprile dedicate al Progetto Ginecologia, per il quale saranno disponibili 6 controlli gratuiti riservati alle cittadine di tutta la Toscana, si svolgeranno Sabato 18 Maggio, dalle 9.00 alle 12.30 presso la nostra sede principale in Viale Ragionieri 101 a Sesto Fiorentino.

Sarà possibile prenotarsi a partire da Venerdì 10 Maggio e fino a Giovedì 16 Maggio telefonando dalle ore 9.30 alle ore 13.00 al numero 348 3102881 fino ad esaurimento dei posti disponibili.


PROGETTO MAMMELLA

locandina del progetto mammella di maggio 2019

Questo mese tornano le visite senologiche con ecografia del Progetto Mammella per la prevenzione del tumore al seno saranno specificamente dedicate a donne di età inferiore ai 45 anni.

Le 12 visite in programma saranno effettuate nella data di Venerdì 24 Maggio, dalle ore 13.30 alle ore 19.00, sempre presso la nostra sede principale in Via Attilio Ragionieri 101 a Sesto Fiorentino.

Le prenotazioni si apriranno a partire da Venerdì 17 Maggio e fino a Giovedì 23 Maggio, Sabato e Domenica esclusi, sempre telefonando dalle ore 9.30 alle ore 13.00 al numero di telefono 348 3102881 fino al completamento dei posti a disposizione.


INFORMAZIONI IMPORTANTI

  • Una volta ottenuta la prenotazione per via telefonica è comunque necessario recarsi a questa pagina del Sito della Fondazione ANT per validare l’appuntamento compilando con i propri dati l’apposito modulo digitale.
  • Per le erogazioni di prestazioni a minori è indispensabile il consenso di entrambi i genitori.
  • Per scoprire come raggiungere la nostra nuova sede con tutti i mezzi possibili vi consigliamo di fare riferimento a questa pagina del nostro Sito Web.

 

1 2 3 17